Fare il modo che la nostra relazione d’amore sia stabile e duratura nel tempo, è certamente una delle cose che ci prefiggiamo di realizzare ogni volta che iniziamo un rapporto con un nuovo partner.

Ogni volta ci sembra sia quella giusta e ci ripetiamo “chissà, forse con lui andrà meglio”. Beh, da oggi non è più necessario arrovellarsi il cervello per individuare le tattiche migliori per far andare a gonfie vele un rapporto.

È uno studio scientifico a darci la soluzione, con cinque regole per l’amore eterno. Quali sono le regole? È presto detto, eccole sintetizzate in cinque semplici punti:

– l’apertura

– la positività

– la sicurezza

– la divisione dei compiti

– la condivisione delle reti sociali

A proporre questa soluzione è l’Università dell’Illinois, che in uno studio condotto da Brian Ogolsky e dal titolo “A meta-analytic review of relationship maintenance and its correlates” spiega le cinque regole dell’amore eterno.

Lo studio di Brian Ogolsky ha avuto amore 5 regole rapporto coppia duraturotanta risonanza  da essere pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships e per realizzarlo Ogolsky si è basato su una meta-analisi di trentacinque studi e 12273 report scientifici sui rapporti di coppia.

Ma cosa significano le cinque regole sopra riportate? Andiamo per gradi ed analizziamole una per una.

Con apertura si intende l’ascolto delle ragioni e delle varie sensazioni del partner, con un attento studio su se stessi per evitare di parlare spesso ed esclusivamente delle proprie ragioni/emozioni.

Per la positività, invece, il discorso si snocciola sull’interazione e, più in particolare, l’impulso di creare un’interazione con il nostro partner che sia orientata al divertimento, ovviamente con ironia e ottimismo… insomma positività!

La sicurezza è un altro aspetto da non sottovalutare ed è da intendersi, semplicemente, come la capacità di rassicurare il nostro compagno sulla nostra voglia di impegnarci a lungo termine; questo si traduce proprio come sicurezza.

Sulla divisione dei compiti è lo stesso Ogolsky a darci una pillola di saggezza, spiegando che “per fare in modo che un rapporto duri è importante anche dividere le faccende domestiche e gli oneri della convivenza, la nostra quarta regola”.

E infine, ma non per importanza, la condivisione. Questa è da intendersi come condivisione degli amici e dei contatti sociali, così da non escludere l’amore dalla nostra vita sociale. Quante volte ci è capitato di farlo? Bene, riflettiamoci allora.

Questi sono i “5 comandamenti” dello studio firmato da Ogolsky, ma voi… voi che pensate? Credete siano una buona idea? Diteci la vostra!