PinkDNA

Gossip

Raffella Fico: denuncia ai genitori di Balotelli per diffamazione

Se forse pensavate che il Raffaella Fico e Mario Balotelli show si fosse concluso una volta per tutte, beh, sappiate che vi sbagliavate perché continua la telenovela, o forse è meglio dire la guerra, tra la showgirl e i genitori del calciatore del Milan!

Abbiamo assistito per mesi ad un botta e risposta mediatico tra Raffaella Fico e Mario Balotelli riguardo a test del DNA e gravidanza e alla nascita della piccola Pia e la paternità non riconosciuta. A dire il vero la più partecipe di tutte, ovvero la persona che si esposta di più in questo ultimi mesi, è stata senza ombra di dubbio la showgirl napoletana, che anche negli ultimi mesi non ha perso occasione per inviare traamite i media appelli a Super Mario, affinché si decidesse a conoscere finalmente sua figlia.

Raffaella Fico Mario BalotelliUn episodio, però, sicuramente ricorderete e consiste nella risposta dei genitori del calciatore a delle affermazioni di Raffaella, pubblicata sulla Gazzetta dello Sport. Alla Fico, che giudicava Mario un’irresponsabile, i coniugi Balotelli avevano risposto:

“Nostro figlio non è quell’essere irresponsabile e senza dignità che tu hai descritto. Da tempo purtroppo i tuoi interlocutori sono pubblico, giornalisti e fotografi. Non hai avuto la minima esitazione a esternare periodicamente ogni tuo sentimento confondendo verità e finzione pur di suscitare interesse e apparire in copertina […] non puoi vendere per vera la storia che ti fa più comodo infangando la dignità altrui”.

Raffaella non ha mai digerito tali accuse, tant’è che ha deciso di portare i genitori del calciatore in tribunale, denunciandoli lo scorso marzo per diffamazione.  Nell’esposto presentato dagli avvocati della showgirl si legge

“In quel testo si sostiene che io sarei mossa solo dal desiderio di lucrare notorietà e denaro. Ma io e Mario abbiamo avuto una relazione fino all’aprile 2012”.

Non crediamo sia finita qui!

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*