close

Pronto il regolamento Anti-Pirateria: salvi i consumatori finali

È stato approvato dal Garante delle Comunicazioni lo “Schema di Regolamento per la tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica”. In pratica il regolamento anti-pirateria a tutela del diritto d’autore online, che ha come obiettivo quello di unire la tutela del diritto d’autore con quella di diritti fondamentali quali la libertà di manifestare il proprio pensiero e quello di offrire una libera informazione, ma anche il diritto di accesso a Internet e quello alla privacy.

Sostanzialmente, con una mossa di assoluta oculatezza, l’Autorità si è concentrata sulle violazioni che vengono esercitate con finalità di lucro, dando la massima priorità alla lotta contro la pirateria massiva, mentre ha escluso dalla propria area di intervento gli utenti finali che scaricano i prodotti e il peer-to-peer in sé.

Prima della promulgazione, il provvedimento sarà sottoposto a una consultazione pubblica della durata di 60 giorni e notificato alla Commissione europea. In seguito verrà creato un Comitato che avrà lo scopo di sviluppare forme di autoregolamentazione per la diffusione di contenuti digitali e, tenendo d’occhio l’evoluzione della tecnologia, proporre eventualmente aggiornamenti delle norme.

Per quanto riguarda i provvedimenti, questi potranno essere avviati solo su istanza del soggetto legittimato e non d’ufficio. Prima, però, di avviare un provvedimento si dovrà effettuare una hacker spam attacco reterichiesta di rimozione della pagina (o delle pagine) Internet coinvolte e se questa non ottiene il successo sperato, allora si procederà.

Ma l’AGCOM non propone solo misure di contrasto alla pirateria, ma offre anche spunti interessanti per promuovere la legalità, nonché informare ed educare i consumatori al rispetto della legalità.

Chi volesse inviare le proprie osservazioni sul regolamento dovrà farlo utilizzando l’indirizzo di posta elettronica certificata agcom@cert.agcom.it e in copia anche a dic@agcom.it aggiungendo anche una sintetica motivazione degli emendamenti proposti. In alternativa, potrete scrivere una raccomandata con avviso di ricevimento, corriere o raccomandata a mano all’indirizzo: Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Direzione servizi media, Ufficio diritti digitali, via Isonzo 21/b, 00198 Roma.

Tag:, , ,

Show 1 Comment

1 Comment

  • avatar image
    fulvio sarzana
    30 settembre 2013 Reply

    Mi dispiace dirlo ma l'articolo non appare nè aggiornato nè equilibrato. Non solo i termini per presentare le deduzioni di cui parla l'articolo sono scaduti una settimana fa, ma lo stesso articolo non riporta in alcun modo le critiche al Regolamento piovute da più parti. Mah..

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi