close

Pasta frolla macrobiotica: una base per tre sapori

pasta frolla macrobioticaAvete mai preparato la pasta frolla senza burro? Lo so che sembra fantascienza, ma per chi è intollerante ai latticini come me la ricetta che sto per proporre è una degna alternativa alla classica pasta frolla.

Se poi la farcite con una crema a base di couscous, sana che più sana non si può, vi dimenticate presto di sapori burrosi.

Gli ingredienti:

1 bicchiere d’acqua

1 bicchiere d’olio di girasole

1 bicchiere di malto

1 pizzico di sale

Farina quanto basta

Il procedimento è semplice, semplice: uniamo tutti gli ingredienti e li mescoliamo fino ad ottenere un impasto compatto ed elastico. Con l’impasto ottenuto formiamo una palla, la avvolgiamo con una pellicola trasparente e la mettiamo a riposare in frigorifero per una mezz’oretta. Dopodiché ungiamo d’olio di girasole uno stampo per torte, stendiamo la pasta su fondo e bordo e mettiamo in forno a 180 gradi per 30’ circa.

Nel frattempo avremo preparato anche una crema per la farcitura. E per la nostra crostata ve ne suggerisco tre: alla nocciola, al cioccolato e al limone.

Per la crema di nocciola: portate ad ebollizione tre bicchieri d’acqua, aggiungete un pizzico di sale e un bicchiere di couscous. Cuocete il couscous per circa 20’ (naturalmente se usate quello non precotto). Infine, frullate il couscous con quattro cucchiai di crema di nocciole e quattro cucchiai di malto.

Per la crema al cioccolato: anche in questo caso preparate il couscous ma lo frullate con una stecca di cioccolato fondete (possibilmente di agricoltura biologica!) precedentemente sciolta e quattro cinque cucchiai di zucchero di canna.

Per la crema al limone: frullate il couscous con quattro cucchiai di malto e la scorza grattugiata di un limone.

Fate raffreddare una delle creme preparate e farcite la base di pasta frolla.

Non mi resta che augurare buone coccole “palatesche” e grande vita a tutte!

No Comments

No Comments

  • avatar image
    Maigret
    20 ottobre 2011 Reply

    Proverò a prepararla. Ma a dire la verità, non è che mi sembri poi così tanto semplice semplice... almeno per un'impedita con i dolci, come me :-/

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi