PinkDNA

Musica & Spettacolo

One Direction: dopo la disavventura di Harry Styles l’affetto dei fan

Come già vi avevamo detto questa mattina, i One Direction hanno passato una brutta disavventura lo scorso lunedì. Nulla di grave, semplicemente uno degli idoli, e più nel particolare Harry Styles, si è sentito male durante il concerto. Malore che lo ha portato a scomparire per qualche istante dietro le quinte per vomitare.

Appare quindi una piccola macchia sulla reputazione immacolata degli One Direction ed Harry Styles, uno dei componenti più amati della boy band, non sarà certo felice di essere passato agli onori delle cronache per essersi sentito male durante un concerto e aver vomitato dietro al palco.

Forse gli sarà un po’ di conforto sapere che il suo nome si unisce alla lista di cantanti che ultimamente non hanno fatto una bella figura in palcoscenico: Justin Bieber, Lady Gaga, Marilyn Manson.

Tuttavia i fan della boy band non hanno attaccato Harry, Harry Styles One Directionanzi… al contrario… lo hanno difeso e giustificato, mostrandogli tutto il loro affetto sui social network.

Ovviamente è caccia alle ragioni del malore, che i siti e tabloid americani più cattivi attribuiscono ad un uso eccessivo di alcool. Addirittura Radar Online dice che Harry è stato visto più volte ubriacarsi durante il tour tra Usa e Canada del gruppo britannico. Questa accusa sarebbe oltre che lesiva verso l’immagine del cantante e del gruppo, anche la testimonianza che, avendo solo 19 anni, Styles abbia infranto la legge americana bevendo in luoghi pubblici.

Prima del concerto, i cinque ragazzi hanno affittato una sala da bowling a Pittsburgh e hanno festeggiato lì fino a mezza notte. La mattina dopo Liam Payne, altro membro del gruppo, ha twittato: “La mia testa fa male… non riesco nemmeno a ricordare chi ha vinto la partita di bowling”. A meno che Liam non abbia preso una botta in testa, è probabile quindi che non si sia trattato solo di una partita a bowling!

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*