close

Nicole Minetti: il degrado della politica italiana nelle sue parole

Ha creato subito polemiche l’intervista di Nicole Minetti a Domenica Live, trasmissione che va in onda domenica pomeriggio su Canale5, condotta da Alessio Vinci.

Spesso viene spontaneo chiedersi se la Minetti c’è o ci fa, perché un personaggio criticato come il suo non può permettersi di parlare senza pesare tutto quello che dice; una particolare frase dell’intervista sta infatti rimbalzando nelle teste degli italiani e non è passata di certo inosservata a chi stava guardando il programma

La politica non deve essere di persone solo preparatissime”

Secondo la Consigliera regionale, dovendo la politica rispecchiare l’intera società, può fare a meno di una grande preparazione. Discorso ovvio da parte sua visto che altrimenti non si potrebbe giustificare la sua presenza nel settore.

Ma la Minetti crede molto in se stessa (al contrario di noi che invece non crediamo in lei), e non solo lo mostra con le sue scelte azzardate, ma lo dice anche esplicitamente.

“nasco come una giovane che si è sempre interessata di politica fin da ragazza, ero una militante nella mia città, Rimini” aggiungendo di meritare il posto che occupa per la sua grande voglia di fare.

E alla fatidica domanda del conduttore sulle dimissioni Nicole risponde “mi chiedo: perché dovrei dimettermi? Che cosa ho fatto di male?”

La Consigliera ammette di aver valutato la possibilità di dimettersi, ma di non vederne motivazioni valide. Ci tiene poi a sottolineare che dal Pdl nessuno le ha mosso questa richiesta e che nel momento in cui Angelino Alfano dovesse chiederglielo allora a quel punto prenderà seriamente in considerazione l’opzione.

Conclude la Minetti affermando che l’unico motivo (è ottimista) per cui il partito potrebbe chiedere le sue dimissioni è l’accanimento mediatico che si è creato nei suoi confronti, il quale può danneggiare il partito stesso.

C’è da dire che Nicole però l’accanimento mediatico continua ad andarselo a cercare!

Tag:, , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi