Un gene che ripristina i livelli di dopamina può arrestare il decorso della malattia di Parkinson, se somministrato direttamente al cervello. Una possibile cura del morbo di Parkinson è stata sviluppata, per essere somministrata attraverso il naso dei pazienti.

La devastante malattia è causata dalla morte dei neuroni dopaminergici, in un’area del cervello. Ma un gene che ripristina e protegge la dopamina nel cervello,  può arrestare il decorso della malattia di Parkinson, se somministrato direttamente al cervello.

È stato pensato che questo possa avvenire tramite un’iniezione chirurgica. Tuttavia un’equipe al laboratorio della Dr. Barbara Waszczak all’università di Boston ha pensato al trattamento nasale.

I topi, sottoposti alla terapia, hanno continuato parkinson Barbara Waszczak cura nasoa produrre una proteina, alimentando la dopomina per lunghi periodi, evitando il bisogno di doppie dosi.

Dr Waszczak ha dichiarato:  essa  “potrebbe essere una terapia efficace e non-invasiva”.

La malattia del Parkinson, che porta tremore,colpisce più dell’1% degli over 60enni.