PinkDNA

Moda

Michael Schmidt disegna il primo abito 3D per Dita Von Teese

Realizzato dal designer Michael Schmidt il primo abito tridimensionale della storia della moda.

Un connubio perfetto tra tecnologia e moda che ha permesso la nascita di un abito elegante, sexy e prezioso, adagiato sulle curve della regina mondiale del Burlesque, Dita Von Teese. Il designer, il favorito da artiste della musica pop come Lady Gaga e la grande Madonna, ha operato attraverso del nylon in polvere e una stampante 3D, realizzando così un progetto di abito fondato sulla teoria dell’italiano Fibonacci, secondo cui l’armonia dell’universo risiedeva in una sola forma geometrica: la spirale.

Attraverso un modello, realizzato appunto sovrapponendo tante spirali fibonacciane, Schmidt ha realizzato e poi stampato il modello. Dal momento che la materia prima era il nylon in polvere, il risultato è stato un’intrecciata struttura morbida e adattabile al corpo, verniciata di nero e impreziosita da 12.000 cristalli Swarovski neri.

Il risultato, un nude look che dona molto alla stripper, è stato per la stessa Teese un onorevole capo d’abbigliamento da indossare; infatti Dita ha tenuto a far sapere tramite un cinguettio, che era stata fiera di essere entrata nella storia come la prima persona ad indossare un abito 3D, grazie a Michael Schmidt.

Ma questo visionario artista non è stato dita von teese vestito 3d Michael Schmidtil primo a tentare una strada simile: la stilista Iris Van Herpen ci aveva già provato con capi ibridi, a metà tra la scultura 3D e il tessuto tradizionale.

Il risultato è stato però deludente, dal momento che le strutture tridimensionali si rivelavano particolarmente rigide e difficili da indossare con disinvoltura. Ma l’alta sartoria ha dovuto sposarsi con l’ingegneria per portare a temine l’esperimento, e così Michael Schmidt è riuscito nell’impresa.

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*