close

Michael Jackson: la famiglia chiede 31,1 miliardi di dollari come risarcimento della sua morte

Ieri, la famiglia di Michael Jackson ha chiesto 31,1 miliardi di dollari, come risarcimento della morte del Re del Pop, indotta dalla droga.

La madre del cantante Katherine, 82, e i suoi tre figli hanno accusato di negligenza la compagnia AEGLive, che ha organizzato l’ultima tournée di Michael Jackson, This Is It. I promotori affermano, che Jackson fu responsabile per il suo stesso decesso, dovuto in parte alla sua tossicodipendenza.

La giuria ha affermato che il processo sarebbe diventato “incredibilmente indecente”.

Le accuse di pedofilie, che videro assolto la star del pop nel 2005, e la sua dipendenza da droghe provocarono ulteriori dispiaceri  alla sua famiglia.

I figli – Prince Michael, Paris e il giovane Blanket – con la loro nonna hanno richiesto un risarcimento, accusando il promoter di essere stato negligente, nell’assumere il dottor Conrad Murray. Infatti, quest’ultimo, finì in carcere per omicidio colposo, due anni fa, per la dose fatale dell’anestestico Propofol, nel trattamento dell’insonnia del cantante.

L’avvocato della compagnia AEG, Marvin Putnam, ha dichiarato al documentario Michael Jackson: The Final Days sulla CNN:

non so come non si possa considerare la responsabilità del signore Jackson; lui era un uomo adulto. Era risaputo che lui diceva una cosa ad un dottore e un’altra ad un altro famiglia michael jackson 31 miliardi risarcimento mortedottore. Noi stiamo parlando di Michael Jackson. Questi era un uomo capace di uscire in pigiama. Un uomo che soleva fermare il traffico, scendendo dalla macchina per ballare su di essa. È un uomo che soleva andare agli eventi pubblici, con una scimmia chiamata Bubbles. È un uomo, che disse di dormire in una camera iperbarica”.

L’avvocato si è chiesto anche il perché il team legale di Jackson avrebbe chiamato i figli a testimoniare “la forte emotività” del padre: “Non riesco a capire perché portarli al banco dei testimoni, quando non ha niente a che fare con l’assunzione del Dottor Conrad Murray dall’AEG”.

Si prevede che il processo durerà per più di tre mesi.

Tag:, , , ,

Show 5 Comments

5 Comments

  • avatar image
    DoctorM
    4 aprile 2013 Reply

    Lei lo sa che gli anestetici non sono delle droghe!!!Io da anestesista lo so!! Del resto speculare sulla morte di una persone riempe di schifo il suo portafoglio!!!

  • avatar image
    Roby
    9 aprile 2013 Reply

    "LA" giovane Blanket..in tanti anni da fan ho sempre pensato che Blanket fosse maschio..non si finisce mai di imparare..

  • avatar image
    laura
    9 aprile 2013 Reply

    Scommetto che non vedevate l'ora di riportare le parole dell'avvocato di aeg, non è vero? Siamo nel 2013 e c'è chi ancora crede a certe baggianate mediatiche che hanno avuto e a quanto pare hanno tutt'ora come unico scopo quello di rimpinguare certi portafogli....Talmente presi a fare copia/ incolla di certe castronerie pubblicate sotto forma di notizie che non vi prendete mai la briga verificare le fonti facendo delle figuracce che forse non immaginate nemmeno: la storia del pigiama, “la giovane Blanket”....potrei continuare ma mi fermo perchè mi fate anche un po' pena...non sapete nemmeno di che parlate quando pubblicate...

  • avatar image
    JustSmile
    10 aprile 2013 Reply

    Grazie per la segnalazione su Blanket. Lapsus, corretto. Per il resto ho riportato solo una notizia che hanno ripreso tutti i network americani... Senza alcun parere personale. Pensavo fosse giusto darla...

  • avatar image
    Agnese 69
    11 aprile 2013 Reply

    Blanket è un maschietto per la precisione!!!!! Michael non era un drogato!!!! non dormiva nell'iperbarica!!!! non era pedofilo,non era gay!!! ma soltanto c'è tantissima invidia sul suo successo!!!! La sua famiglia vuole giustizia e verità come la vogliono i suoi fans e vinceranno alla grande!!!! Basta raccontare frottole su MICHAEL JACKSON!!! lasciatelo in pace!!!!! abbbiate RISPETTO di una persona UMILE e GENEROSA come lo è stato lui!!!!

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi