close

L’uso prolungato del tablet provoca insonnia? Forse si!

Un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori newyorkesi, ha scoperto che l’uso prolungato del tablet durante il giorno e prima di andare a letto è deleterio per la qualità del nostro riposo.

Tutta colpa della luce azzurrina emessa , che influisce sulla produzione di melatonina (ormone prodotto  da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale o epifesi. Agisce sull’ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia).

L’articolo è stato pubblicato dal Telegraph, spiega che la luce di colore azzurrognola emessa da un tablet come l’iPad o il Samsung Galaxy, riesce ad ingannare il cervello, facendogli credere che sia ancora giorno e stimolando quindi, attività cerebrale particolarmente intensa, che ci impedisce di prendere sonno.

È noto che stare davanti al televisore o al computer, compromette il riposo notturno. Col passare degli anni però la tecnologia si è fatta così “portatile” da essere una presenza costante, tanto da portarcela a letto!

Quindi, i ricercatori del Lighting Research tablet insonnia studioCentre,  avvisano che usare i tablet per più di due ore di fila porterebbe a una “soppressione dei livelli naturali di melatonina, a causa delle onde a bassa frequenza che questi apparecchi emettono”.

Gli esperimenti sono stati svolti  su 13 volontari divisi in due gruppi, il primo ha trascorso un paio di ore davanti ad un iPad, tenendo lo schermo a meno di 30cm dagli occhi; al secondo gruppo di volontari è stata proposta la stessa cosa, ma indossando un paio di occhiali con le lenti arancioni, in grado di filtrare la luce bluastra.

Risultato: gli utenti con gli occhiali avevano un livello più alto di melatonina rispetto agli altri.

Tag:, , ,

No Comments

Partecipa alla discussione

Story Page