Categorie
Bellezza & Salute

L’elettroshock per smettere di fumare: l’ultima frontiera della scienza

Tra sigarette elettroniche, cerotti contro il fumo e divieti a norma di legge, per i fumatori sono davvero tempi duri. E per fortuna, dice chi il fumo non lo sopporta affatto!

Tuttavia sembra che per i fumatori la situazione stia degenerando più in fretta di quanto non sembri. Nuove cure, che sfiorano la follia, si stanno cercando in tutte le università del mondo e a quanto pare la McGill University ha pensato di poter curare la dipendenza dal fumo con elettrostimolazioni.

Si tratta di un protocollo sanitario che agirebbe a livello neuronale per andare ad inibire quella parte del cervello che ‘desidera’ il fumo. Lo studio, preso sul serio e pubblicato su Pnas, dice che il desiderio che risiede in meccanismi bio-chimici del cervello è alimentato anche dal senso della vista, che a sua volta innesca il ricordo della sostanza e lo stimolo a replicare: la vista di sigarette, di una persona che fuma, o anche solamente il fatto che qualcuno possa offrirci una sigaretta può bastare a far aumentare il desiderio, portando in genere il fumatore ad assecondare la dipendenza.

Lo studio si è protratto per diverso tempo elettroshock smettere fumare ricerca scientificaconcentrandosi sull’analisi cerebrale di fumatori che nell’atto di fumare ‘accendevano’ una zona del cervello situata nella corteccia para-frontale, esattamente dove risiede il desiderio. Gli scienziati hanno così proposto di disattivare quella zona del cervello attraverso le stimolazioni elettriche e magnetiche.

La conclusione è davvero scioccante! In pratica si tratterebbe di piccoli elettroshock che servirebbero allo scopo; sembra quanto meno assurdo che una tale “terapia” venga di nuovo presa in considerazione, quando una volta era usata per “curare” i malati di mente.

Tuttavia questa procedura clinica è valida ancora solo in via teorica e non possiamo pensare che l’ambiente medico possa di nuovo permettere l’utilizzo di tale tecniche che si sono dimostrate in passato così nocive per il benessere dell’individuo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *