close

Le Tre Rose di Eva 2: anticipazioni puntata 27 novembre

Ieri sera, mercoledì 20 novembre, è andata in onda l’undicesima puntata di Le Tre Rose di Eva 2, la serie Tv in onda sulle reti Mediaset, con protagonisti Anna Safroncik (nei panni di Aurora Taviani) e Roberto Farnesi (nei panni di Alessandro Monforti). La situazione è sempre più avvincente e anche ieri sera il finale di puntata ci ha lasciati con il fiato sospeso; presi, allora, dalla curiosità, andiamo a scoprire sin da ora cosa accadrà nella dodicesima puntata, che sarà trasmessa, alle 21:10 su Canale 5, il prossimo mercoledì, 27 novembre.

le tre rose di eva logoOrmai due cose sono certe: Aurora non è figlia di Eva e, dunque, non è la sorella di Marzia e Tessa e, inoltre, ha molto a che fare con la misteriosa confraternita. Nella prossima puntata Aurora e Tessa, durante le loro indagini, troveranno la piccola cappella citata nel libretto trovato nella sede della confraternita. Sul portone d’ingresso le due sorelle  troveranno lo stesso stemma degli anelli e al suo interno, invece, tre tombe: un uomo e una donna, morti lo stesso giorno (i Gori) e la tomba di una bambina, che guarda caso riporta la stessa data di nascita di Aurora. Alessandro, intanto, scoprirà che negli anni 80 Pietrarossa è appartenuta alla famiglia dei Gori.

Elisabetta, la spietata mamma di Veronica, si reca da Livia Monforte, una sua vecchia conoscenza. Le due donne non si vedono da circa trent’anni e condividono molti segreti. Anche Veronica scoprirà qualcosa di davvero inquietante su sua madre.

Infine, il vecchio giudice interpretato da Nino Castelnuovo convoca Ferentino e Scilla e dopo averli informati delle troppe domande fatte da Aurora su Pietrarossa, chiede ai “ragazzi di Villaba” di sbarazzarsene.

 

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi