close

Lazio: allarme arsenico. La provincia di Viterbo è la più contaminata

Continua a far discutere il problema idrico nel Lazio e nel particolare l’allarme arsenico con sembra non essere assolutamente cessato. Al contrario, secondo uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità (per il quale l’istituto si è avvalso anche dell’Ordine dei medici), ci sarebbero gravi contaminazioni nell’intera catena alimentare: soprattutto nella provincia di Viterbo, che risulterebbe essere la più colpita da questa piaga.

Al momento le informazioni diramate si basano su dati preliminari, dai quali emerge una situazione in cui ad essere contaminata non è solamente l’acqua, ma addirittura il pane prodotto nel viterbese. Stando a quanto si legge, però, il problema dell’arsenico potrebbe andare anche oltre, dato che ci sarebbero possibilità di un’estensione delle contaminazioni anche su altri prodotti alimentari.

Al vaglio, ora, c’è l’analisi degli ortaggi e se anche da queste dovessero arrivare notizie di contaminazioni, l’emergenza salirebbe a un livello ancora più elevato.

Stando a quanto spiegato, le fonti che avrebbero allarme arsenico lazio provincia viterbogenerato queste contaminazioni multiple sarebbero sia il terreno che l’acqua erogata dalla rete idrica: una ovvia conseguenza dato che con l’acqua poi si fa praticamente tutto.

Al momento le analisi hanno individuato nella provincia di Viterbo 40 su 60 comuni con valori oltre la norma: dato che ha portato i sindaci a dichiarare l’acqua non potabile.

Non resta che attendere i prossimi giorni per saperne di più.

Tag:, , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi