Categorie
Cucina

La cioccolata calda è una cosa seria! Ecco i segreti per renderla densa e cremosa

L’inverno è il periodo della cioccolata calda. Su questo non si discute, né c’è tanto da obbiettare, perché questa bevanda è senza dubbio tra le più amate, a parte qualche piccola e triste eccezione incarnata dalle persone (tristi) che non amano i dolci.

cioccolata calda dieta invernoI supermercati sono pieni zeppi di bustine, essenze, gelatine e preparati che garantiscono una cioccolata calda fatta ad arte, ma immancabilmente poi quello che ne vien fuori è ben poca cosa rispetto all’appetitosa immagine sulla confezione. Grumi gelatinosi, consistenza liquida, crosticine a galla, rimasugli amarognoli. Per quanto i nostri sforzi siano concentrati a seguire passo passo ogni indicazione della ‘modalità di preparazione’, la nostra cioccolata non sarà mai da pubblicità (o almeno il più delle volte). Allora ecco un consiglio pratico: prendere tutti i composti e preparati di cui sopra e sbarazzarsene. Gli ingredienti che occorrono per una vera e soprattutto buona cioccolata calda sono pochi ed essenziali, e non comprendono addensanti chimici né soldi buttati in prodotti dolciari che ci ingannano con le loro immagini da pasticceria.

Latte intero, cacao amaro, zucchero, cioccolato fondente e farina. Ecco il segreto! Il latte è la nostra base, basta riscaldarne 200 grammi e in un pentolino a parte (non troppo alto né troppo stretto) mescolare tre cucchiai da brodo di cacao amaro e zucchero a piacere e aggiungere a poco a poco il latte tiepido mescolando per evitare i grumi. La consistenza a questo punto dovrebbe essere quella semplice del latte al cacao. Continuare a mescolare a fuoco lento e aggiungere 90/100 grammi di cioccolato fondente e lasciar fondere per bene il tutto, sempre continuando a mescolare preferibilmente con un cucchiaio di legno. Quando la soluzione è omogenea aggiungere un cucchiaio di farina con molta attenzione e sempre evitando i grumi. Per ottenere un risultato omogeneo è importante aggiungere lentamente la farina e alla fine mescolare energicamente.

A questo punto il preparato va tenuto ancora sul fuoco lento per far evaporare una percentuale di acqua presente nel latte e per permettere al tutto di addensarsi. Quando la consistenza raggiunge il vostro grado preferito di solidità spegnere il fornello e servire in tazza a seconda delle occasioni. Tazza grande e biscotti al cioccolato per le pene d’amore, tazze alta da tisana per conversazione colta, tazza da te e ricciolo di panna per il tipico pomeriggio tra amici, tazzina da caffè per quando gli imbucati al cioccolata party sono più del previsto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *