close

Instagram si ripente: non venderemo le vostre foto

I dirigenti di Instagram fanno un passo indietro sulla decisione di vendere le foto degli utenti a terzi. La notizia è arrivata in seguito alla rivoluzione degli utenti che si sono sentiti presi in giro e sfruttati.

Dopo la tanto discussa decisione da parte di Instagram, i dirigenti hanno deciso di rivedere e modificare qualche punto del nuovo regolamento sulla privacy.

A quanto pare, la rivoluzione degli utenti online è servita a far ragionare Kevin Systrom, il quale ha annunciato a Fox News che cambieranno i termini di servizio, rimuovendo quei punti che hanno fatto pensare che le foto degli utenti potessero diventare pubblicità.

instagramNotevole il tentativo di far passare il tutto come una clamorosa mal interpretazione del punto che spiegava, chiaramente (ed esclusivamente in inglese), che “you agree that a business or other entity may pay us to display your […] photos […] without any compensation to you”. Tradotto: acconsenti che le foto possono essere vendute a terzi, senza che ti sia dato alcun compenso.

Come sappiamo e abbiamo avuto modo di constatare, la notizia ha scatenato la rivolta del web costringendo i dirigenti di Instagram a fare un passo indietro: “non vogliamo venderle vostre foto o usare per fare pubblicità”, tuttavia “Instagram fa comunque presente di essere stato creato per essere un business a scopo di lucro e che sperimenterà varie forme di pubblicità per fare soldi. Instagram non utilizza nessun tipo di pubblicità e ora come ora il servizio gratuito non ha modo di fare cassa e”, ben più importante, “non dà alcun ricavo a Facebook”, ha affermato lo stesso Systrom.

Insomma, Instagram ha potuto constatare che il nuovo regolamento è costato l’annullamento di migliaia di account nel giro di pochissime ore e ha preferito non rischiare di perdere la maggior parte degli utenti prima della fine dell’anno.

Tag:, , ,

No Comments

Partecipa alla discussione

Story Page