Categorie
Lavoro

Inps: congedo obbligatorio e facoltativo per i neo papà

Alla nascita di un figlio, il padre lavoratore dipendente usufruirà di un congedo obbligatorio (di solo 1 giorno) e di un congedo facoltativo, in alternativa al congedo di maternità della madre (di 2 giorni). E’ quello che istituisce l’Inps nella circolare n. 40 del 14/03/2013, avente come oggetto la Legge 92/2012 (riforma del mercato del lavoro), precisamente l’articolo 4, comma 24, lettera a): diritto del padre al congedo obbligatorio e al congedo facoltativo, alternativo al congedo di maternità della madre.

Spettano al padre (anche se adottivo o affidatario), entro e non oltre il quinto mese di vita del figlio, congedo obbligatorio e congedo facoltativo in seguito ad eventi quali parto (anche se prematuro, in questo caso solo per la madre potrebbe slittare il termine di inizio del congedo obbligatorio), adozioni e affidamenti avvenuti a partire dal 1° gennaio 2013. Naturalmente nei casi di parto plurimo, la durata dei congedi non subisce variazioni.

congedo obbligatorio padreIl congedo obbligatorio del padre è aggiuntivo a quello della madre, ha durata un giorno ed è fruibile durante il congedo di maternità della madre lavoratrice o anche successivamente purché entro il limite temporale sopra richiamato. Il congedo facoltativo, invece, è legato al congedo di maternità in quanto i giorni presi dal padre (1 o 2 al massimo) vengono scalati dal congedo della madre che così facendo anticipa il termine dello stesso. Anche in questo caso è fruibile dal padre in contemporanea alla madre.

L’Inps destina al padre lavoratore dipendente, per i giorni di congedo, un’indennità giornaliera pari al 100% della retribuzione ordinaria a carico dell’Istituto di previdenza, ma anticipata dal datore di lavoro in busta paga, ovviamente previa comunicazione scritta con un anticipo di almeno quindici giorni, destinata all’azienda, in cui si indicano la data presunta del parto e le date in cui si intende fruire del congedo. Sarà compito dei datori di lavoro informare l’Inps delle giornate di congedo tramite il flusso mensile Uniemens.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *