PinkDNA

Programmi TV

Il Trono di Spade: l’Aiart chiede la sospensione della serie perché depravata

Brutte notizie per chi ha iniziato a seguire la serie televisiva, in onda su Rai 4, Il trono di Spade! Il presidente dell’Aiart, Luca Borgomeo, ha chiesto l’immediata sospensione della messa in onda della serie tv, considerata violenta, pornografica e depravata!

Ancora su Rai 4 è andata in onda una sola puntata (trasmessa il 2 maggio) di Il Trono di Spade, la serie televisiva statunitense della Hbo che dal 2011 appassiona milioni di spettatori, e già si è scatenata una vera e propria polemica, accompagnata dalla richiesta dell’immediata sospensione della messa in onda.

Il trono di spadeAd alzare la voce è stato il presidente dell’Aiart (Associazione Italiana Ascoltatori Radio e Televisione), Luca Borgomeo, che tramite un telegramma inviato al direttore generale della Rai Luigi Gubitosi, ha chiesto l’eliminazione della popolare serie dalla prima serata di Rai 4.

Borgomeo sulla serie televisiva, nonostante le numerose censure con relativi tagli già applicate, ha affermato:

“Il programma è volgare, pornografico con insistite scene di violenza e di sesso, quasi gli autori fossero impegnati ad ottenere l’oscar della depravazione . E’ tollerabile che la Rai, servizio pubblico, alle 21 entri con un programma a luci rosse nelle case degli italiani? Si obietta che basta cambiare canale per non subire lo squallido programma: certo, ma perché in un Paese civile si deve sopportare l’incultura del servizio pubblico radiotelevisivo? La risposta amara è semplice: chi viola il buon senso e sperpera danaro pubblico è sicuro di non incorrere in sanzioni; chi dovrebbe erogarle è in tutte altre cose affaccendato!”.

Ancora non si conoscono le intenzioni del direttore Rai riguardo la richiesta dell’Aiart.

 

1 Comment

Mario Branco

9 Maggio 2013

Non vedo l’ora di vedere la nuova stagione di Spartacus su Sky che partirà il 14 maggio! Qui trovate alcune news interessanti http://mag.sky.it/mag/serie_tv/spartacus.html.

Reply

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*