close

Il ritrovamento di Angela Celentano sembra essere una bufala. Ecco i risultati delle indagini

Le notizie viaggiano con una velocità estrema. Specie sul Web, dove bastano pochi attimi per scrivere un articolo. Ma il ritrovamento di Angela Celentano, la notizia di un epilogo felice ad una storia che dura ormai da molti anni, è una notizia che tutti pensavamo e speravamo fosse vera.

Angela Celentano indagini bufala beffaEd anche noi di PinkDna avevamo scritto della notizia, però sbagliando. Già, perché a dispetto di quanto gli organi d’informazione abbiano detto in questi giorni, sembra proprio che la notizia del ritrovamento di Angela sia una bufala…

Ne dà notizia il Giornale questa mattina, che mette in evidenza quelli che sembrano essere i risultati delle indagini. In base a quanto si legge, infatti, dagli accertamenti fatti dalla Procura di Torre Annunziata e dalla polizia Postale del Compartimento di Napoli, i risultati hanno portato a una triste realtà: è stato tutto un bluff. Dalle indagini per cercare di risalire al PC dal quale sarebbero state inviate le mail, si è cercato di raggiungere la persona che si spacciava per Angela Celentano.

E qui il triste risvolto: la polizia, unitamente all’Interpol e la polizia messicana si sono trovati davanti, ad Acapulco per la precisione, una ragazzina di 16 anni e completamente differente dalla ragazza ritratta nella foto giunta qualche tempo fa a Rossana. Le indagini sono ovviamente andate oltre, arrivando fino al test del DNA, con il quale si è provato definitivamente che la ragazzina messicana non corrisponde ad Angela Celentano.

Sempre dalle indagini è emerso che dallo stesso ip sarebbe stato creato anche un profilo Facebook falso intestato a Celeste Ruiz.

Insomma una storia davvero di difficile lettura e che per alcuni porterebbe la firma di un hacker. Continueremo comunque a seguire questa vicenda, cercando di aggiornarvi appena ci saranno nuove informazioni a riguardo.

Tag:, , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi