close

Il ristorante vegetariano: come prendersi cura di sé mangiando con gusto!

La moderna esigenza  di una vita sana, lontana dallo stress, dallo smog e dalle radiazioni che la città ci riserva ogni giorno, ha spinto un nuovo tipo di attività a insediarsi con sempre maggior successo nel cuore delle grandi metropoli.

vegetarianoSi trovano in piccoli locali che un tempo ospitavano botteghe, oppure in stanzette adibite a locale con gusto ed eleganza. Si tratta dei ristoranti vegetariani, che possono essere accostati a tutta quella serie di ristoranti etnici che tanto vanno di moda, come il giapponese o il thai, ma che propongono cibi tutti italiani e locali. Prodotti con verdure, legumi e cereali di produzione biologica, il più delle volte vicinissima a dove il prodotto viene poi consumato. Qui possiamo trovare quell’alimentazione sana che, oltre a deliziare il palato, dà la gratificazione psicologica di aver mangiato qualcosa di utile e sano per il nostro organismo.

In un qualsiasi ristorante vegetariano si può trovare zuppa di legumi con prezzemolo tritato, piccole prelibatezze al forno a base di pane e zucchine, pomodorini ripieni, patate al sesamo, verdure alla julienne cotte con l’aceto. Alcuni di questi locali hanno addirittura un piccolo mercato nelle sale, dove il consumatore più esigente può scegliere la propria verza da farsi cucinare, come si fa con il pesce nei ristoranti di lusso, oppure da portare a casa!

Quello che però più rappresenta la genuinità dei ristoranti vegetariani è l’esclusiva presenza nel menù di verdure di stagione; per cui se d’estate possiamo andare sul sicuro con gli ortaggi colorati, d’inverno ecco che i cuochi nelle belle cucine a vista si industriano per rendere appetibili anche le notoriamente tristi verdure invernali. Ecco che nascono le verze saltate, le carote al pepe e le già citate patate al sesamo, una vera delizia. Ma anche le semplicissime e gustose zuppe di cereali e legumi, oppure le zucchine ripiene di mollica di pane e pomodorini.

Nel ristorante vegetariano è ammesso il formaggio, purché sia accompagnato da marmellata di pere e miele di castagne. Oppure per i palati più raffinati un’insalata di funghi porcini appena affettati con parmigiano e rucola. E se il pranzo non dovesse soddisfare i palati più esigenti, ecco che arrivano le macedonie: ma attenzione, siamo a fine novembre, quindi tutto quello che ci troverete saranno mele, kiwi, loti e mandarini. Niente soia o tofu, solo verdure dei nostri campi, tanta maestria e in alcuni casi anche molta classe.

Attenzione però, per saziarsi bisognerebbe ordinare doppia porzione di tutto!

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi