Categorie
Bellezza & Salute

I benefici dell’esercizio fisico in piscina

Il nuoto è un’attività divertente, che offre benefici alla pari delle altre attività fisiche, senza il pericolo di logoramenti alle articolazioni. È anche un ottimo modo per mantenersi in allenamento, senza surriscaldamento, così come in inverno, quando l’esercizio all’aria aperta non è praticabile.

Quando si va al mare, o in piscina, si possono fare semplici esercizi, mentre si è in acqua, combinandoli con una nuotata.

È importante sapere che ci sono due benefici fisici fondamentali dell’allenamento in piscina. Per prima cosa, poiché la densità dell’acqua è simile alla densità del corpo umano, l’acqua sostiene il peso del corpo, eliminando lo stress sulle articolazioni. L’esercizio in acqua lavora tutto il corpo in una sola volta.

Le parti superiori e inferiori del corpo lavorano mentre ottengono benefici cardiovascolari dell’aerobica insieme alla tonificazione muscolare, per via della resistenza dell’acqua. Oltre ai vantaggi fisici dell’esercizio in piscina, ci sono altri benefici: poca o nessuna attrezzatura è richiesta, è poco costoso o gratis (se si va al mare).

Come per ogni attività fisica, è importante parlare nuotare piscina benefici fa benecon il medico di fiducia, per assicurarsi della propria forma o se si è abbastanza sani, per il rigoroso esercizio fisico. Bisogna procedere gradualmente nell’attività: iniziare a piccoli passi, fino a quando si aumenta la forza e la resistenza.

Ecco tre esempi di esercizi che si possono effettuare in piscina:

  1. tenersi al bordo della piscina e sforbiciare le gambe, per lavorare glutei e bicipeti femorali;
  2. posizionare la schiena contro il lato della piscina e sollevare le braccia fuori dall’acqua, mettendo i gomiti sul bordo della piscina. Portare le ginocchia il più possibile verso il petto e tenerle, nella posizione, per almeno dieci secondi, per lavorare gli addominali. Ripetere tante volte quanto è possibile;
  3. saltare, portando le ginocchia verso la superficie dell’acqua e poi scendere giù nella posizione originaria. Questo movimento dovrebbe imitare il salto della rana. Fare i salti per tre minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *