close

Grecia fra crisi e povertà: ragazza sviene in classe dalla fame

Una ragazza che sviene a scuola per la malnutrizione, due ragazzi che muoiono intossicati perché costretti a riscaldarsi a casa con il braciere, un bambino di otto anni che ruba in chiesa le candele di cera per avere luce a casa.

Non sono episodi tristi di un film ambientato nei secoli bui del Medioevo, ma storie vere, cose che accadono tutti i giorni in Grecia, dove la crisi è reale, si sente e costringe tantissime persone ad una vita di stenti.

L’ultimo caso, una ragazza che durante le lezioni è svenuta in classe in una scuola di Rodi a causa della fame, secondo il medico che l’ha poi visitata, ha fatto scatenare la A’ ELME, l’Unione degli insegnanti della Scuola Media del Dodecaneso, regione della Grecia appunto. Il dito dell’associazione degli Insegnanti è puntato contro il governo tripartito e contro la Troika, “per la politica barbara che hanno imposto al popolo greco”.

A muovere le accuse è proprio lo sconcerto che grecia ragazza sviene in classe per la fameha generato l’incidente, che sembra provenire da un passato lontano, assimilabile solo al periodo dell’occupazione: “Queste cose incredibili succedono oggi – aggiunge il Consiglio Amministrativo della A’ ELME del Dodecaneso – Questo è il volto della crisi. Fame e povertà. Per le persone povere, il riscaldamento è diventato un bene di lusso”.

Un’altra testimonianza, un altro aspetto della crisi che sembra non essere tangibile, ma che esiste ed è reale, e che condiziona la vita di milioni di persone.

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi