close

Forbes svela le 100 donne più potenti al mondo

Angela Merkel

La nota e indiscussa rivista statunitense, da sempre leader nei settori dell’economia e della finanza, Forbes, conosciuta alla gran parte delle persone per la particolare stesura, che si vanta di presentare a cadenza annuale, della classifica degli uomini più ricchi del mondo (HNWI – High net worth individual), sul numero di settembre, ha pubblicato uno speciale di ben 21 pagine su “The 100 most powerful women“, le 100 donne più potenti (e ricche) al mondo e, quindi, come è cambiata, negli ultimi anni, l’immagine della leadership a livello globale.

Queste 100 ricchissime signore, sono state inserite, in base al loro “core business“, in 7 distinte categorie: Billionaire, Business, Celebrity, Humanitarian, Media, Politics e Technology, e per ognuna di loro c’è una breve biografia e una sorta di curriculum vitae di ciò per cui si sono tanto affermate in questi anni. Al primo posto in assoluto e per il secondo anno di fila, posizionata nella categoria “Politics” (ovviamente), il cancelliere tedesco e “Lady di ferro” Angela Merkel, che con un PIL di $3,139,000 M si aggiudica anche il 4° posto (prima donna dopo 3 uomini, in ordine di  i presidenti di USA, Russia e Rep. Cinese) nella classifica generale delle persone più potenti al mondo. Cancelliere dal 2005, è primo giocatore nel “Risiko” politico-economico europeo, sa giocarsi così bene le sue carte che rinomati sondaggi la danno vincitrice anche alle prossime elezioni politiche tedesche nel 2013. E’ anche interattiva e attenta ai bisogni dei suoi elettori, infatti ha aperto su YouTube un canale ad hoc, Die Bundesregierung, in cui risponde personalmente alle domande dei cittadini.

Top Humanitarian – Melinda Gates, Christine Lagarde, Helen Clark

Dopo la Merkel, altre 2 politiche occupano la seconda e la terza posizione: Hillary Clinton (Segretario di Stato, USA) e Dilma Rousseff (Presidente del Brasile). Al quarto posto si cambia categoria, e la prima del settore Humanitarian è Melinda Gates, moglie del celeberrimo Bill e co-presidente della più grande e famosa Fondazione al mondo “Bill & Melinda Gates Foundation” dedita all’aiuto dei bambini in età prescolare, alla lotta alla povertà, al sostegno della salute pubblica e dell’istruzione, con un utile di $37,430 M. “Colleghe” della Gates, trovandosi nella stessa categoria, incontriamo all’ottavo posto Christine Lagarde, numero uno dell’FMI (Fondo Monetario Internazionale), che si è trovata a lavorare più volte sullo stesso campo di gioco della Merkel e alla quale ha tenuto testa come poche. Al trentaquattresimo posto, Helen Clark, fino al 2008 Primo Ministro dell Nuova Zelanda, oggi è responsabile dell’agenzia U.N. Development Programme (Programma delle Nazioni Unite).

Top Media – Jill Abramson, Anne Sweeney, Arianna Huffington

Al quinto posto, Jill Abramson, categoria Media, direttore esecutivo del New York Times Co., con un fatturato di $2,256 M. Primo editore esecutivo donna della carta stampata, ha in attivo 3 libri pubblicati a suo nome, l’ultimo dei quali è uscito nel 2011. Donne della sua stessa categoria a seguire sono Anne Sweeney, co-presidente della Disney Media Networks e presidente del gruppo ABC Television Group, Walt Disney; Diane Sawyer, volto più importante del World News e ABC Television; Arianna Huffington, presidente e caporedattore dell’Huffington Post Media Group, il quotidiano online specializzato in media e comunicazione, venduto nel 2011 ad AOL e vincitrice nel 2012 del premio Pulitzerper le relazioni nazionali.

Top Technology – Sheryl Sandberg, Virginia Rometty, Ursula Burns

Dal decimo posto si cambia ancora categoria, ovvero Technology, e troviamo Sheryl Sandberg che dal mese di giugno di quest’anno è salita di grado diventando Direttore Esecutivo dell'”azienda” Facebook. E’ il primo nome femminile nell’elenco degli azionisti di Facebook con poco più di 1 miliardo di dollari in azioni possedute. Tecnologiche come lei e a pochi numeri di distacco, troviamo al quindicesimo posto Virginia Rometty, presidente e CEO di IBM, e al diciassettesimo Ursula Burns, vicepresidente e CEO della Xerox.

Top Celebrity – Oprah Winfrey, Lady Gaga, Beyonce Knowles

Le componenti della categoria Celebrity iniziano a posizionarsi nella classifica di Forbes dall’undicesimo posto in poi, e la prima “stella” che illumina questo sentiero di multimiliardarie è la famosissima conduttrice TV e regina dei talk show, Oprah Winfrey. Seguono, con un piccolissimo distacco al quattordicesimo posto, la collega Lady Gaga, e un po’ più giù nella classifica, al trentaduesimo posto la splendida Beyonce Knowles. Entrambe celeberrime musiciste, cantanti e filantrope, da sempre impegnate in cause benefiche a favore dei bambini più sfortunati.

Miuccia Prada

E le italiane? In questa breve classifica internazionale ne troviamo solo una, al sessantasettesimo posto nella categoria Business, ed è Miuccia Prada, proprietaria e Fashion Designer Prada, che quest’anno ha portato il suo noto marchio di abbigliamento ad un livello più alto ottenendo con orgoglio un riconoscimento all’impegno artistico messo nel suo lavoro, con una mostra al Metropolitan Museum of Art dal nome “Schiaparelli e Prada: Conversazioni impossibili“.

E’ il primo anno che la rivista Forbes inserisce un’italiana nella sua popolare classifica delle 100 donne più potenti al mondo, questo non può che inorgoglirci, certo, ma siamo ancora lontane dallo standard europeo e, più in generale, da quello internazionale.

Tag:, , , , , , , , , , ,

No Comments

Partecipa alla discussione

Story Page