close

Facebook, tag, chat e download, anche per il digitale esiste un galateo

Sapevate che prima di taggare una foto è necessario chiedere il permesso alla persona fotografata?

galateo facebookIl rispetto di questa legge spesso viene dato per scontato pensando che, se la persona ritratta nell’immagine da voi taggata sia già presente su Facebook con un proprio profilo, allora possa esser d’accordo per le successive immagini aggiunte dai suoi amici. Sbagliato! Avere un profilo pubblico o nascosto non presuppone che chiunque possa taggare le nostre foto senza prima interrogarci, soprattutto se si tratta di immagini poco piacevoli. La persona interessata potrebbe denunciarvi con molte probabilità di vincere la causa.

Il web 2.0 è solo uno dei tanti labirinti digitali che nascondono atti illegali con un semplice click. Fenomeno ricorrente è, per esempio, l’utilizzo delle reti wi-fi non protette. In questo caso sia il titolare del contratto adsl, che il vicino impiccione, sarebbero perseguibili dalla legge in quanto il primo non può lasciare una rete scoperta di password e il secondo compie una vera effrazione con danni possibili al proprio sistema di sicurezza del PC, poiché non a conoscenza delle caratteristiche di rete del vicino.

Il galateo del digitale si estende anche a situazioni molto più comuni come quelle riguardanti telefoni cellulari e auricolari per la musica.

Ciò che facciamo più spesso quando siamo al bar o al galateo digitaleristorante, è di poggiare il telefonino sul tavolo o sul bancone, irritando le persone che ci sono vicine per mancanza di buon gusto, di condizioni igieniche e di rispetto. Si presuppone, infatti, che una persona che guarda il proprio cellulare durante la cena, non sia interessata alla conversazione.

Altra abitudine è di ascoltare musica al lavoro, il che è produttivo del 6,3% in più rispetto alla normalità, ma se fatto con auricolari non “in-ear” potrebbe essere fastidioso anche per i colleghi vicini.

Parlando invece di ritocchi a fotografie è facilissimo farlo grazie al programma Photoshop, ma rischioso per coloro che lavorano grazie alla propria immagine come modelle, conduttrici e vip… Scoprire se una foto è ritoccata è possibile con la piattaforma errorlevelanalysis. Non sono nuove le vicende di personaggi famosi che hanno perso il lavoro per una foto non corrispondente alla realtà.

Per non incorrere in rischi gravi, leggete sempre il trafiletto privacy di ogni programma, software o social network. Per il resto usate il buon senso, in modo che il digitale non provochi un involgarimento della vostra personalità.

Tag:, , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi