close

Erika De Nardo è libera e chiede serenità per la propria famiglia

Dopo 10 anni di pena, 10 anni di parole e 10 anni di attenzione mediatica, Erika De Nardo è libera. Ha passato il suo periodo di detenzione nella comunità Exodus, fondata per volere di Don Antonio Mazza e ora la ragazza ha notificato presso una stazione dei carabinieri il decreto di fine pena ed è ora libera di trascorrere il Natale con il padre, non si sa ancora dove.

erika de nardoLa libertà legale, però, è una cosa diversa da quella interiore – spiega il responsabile di Exodus di Lonato, Giovanni Mazzi, nipote di don Antonio – e per questo il percorso è ancora lungo”. Ora la ragazzina sedicenne che con il fidanzato di allora, Omar Favaro, aveva ucciso con 96 coltellate la madre e il fratellino, è una giovane donna di 27 anni che si è laureata a pieni voti in Filosofia riuscendo sempre, in ogni passaggio importante della sua vita (la maggiore età, la laurea), a far gravitare intorno a sé l’attenzione dei media.

La sua intenzione, come spiega attraverso una lettera consegnata a Don Mazzi, è quella di lavorare con il prete all’interno del progetto Exodus per un certo periodo, “perché sono contenta di continuare a maturare e ad aiutare gli altri. Continuerò il mio percorso comunitario e ti prego di dire alla stampa di non contattare né me, né la mia famiglia che merita un po’ di serenità”.

Rimane agghiacciante la naturalezza con cui questa ormai donna chiede rispetto e tranquillità per la sua famiglia.

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi