Categorie
Da DNA a donna

E se le donne usassero le pose delle modelle?

Questa è la domanda a cui l’artista spagnola Yolanda Domínguez ha cercato di rispondere l’estate scorsa con la realizzazione di un progetto davvero originale: riprendere le reazioni dei passanti di fronte a donne in pose artificiali come quelle delle modelle nelle pubblicità di moda.

Immaginate di camminare sul marciapiede della Gran Vía di Madrid e di incontrare una donna immobile, in piedi, con il busto inclinato in avanti e le dita della mano destra nella bocca spalancata, con lo sguardo fisso su un punto imprecisato davanti a sé. Quale sarebbe la vostra reazione? Che sensazioni vi trasmetterebbe una posa del genere? Dopo un momento di stupore, di incredulità credo che si possa solo scoppiare a ridere. Oppure ci si può preoccupare seriamente, se ci si imbatte in un’altra donna, questa volta stesa in un giardino, affianco ad un’aiuola di fiori.

Yolanda Domínguez ha voluto creare un video per protestare contro le immagini che non mostrano le donne reali, per attirare l’attenzione di quanti non si siano mai fermati a riflettere sul significato delle pose femminili in pubblicità: “l’immagine che si da di noi donne nei mezzi di comunicazione è piuttosto patetica […] Veniamo sempre raffigurate mentre siamo stese a terra, smorte, sembriamo ridicole, siamo appendiabiti e poco più. […] È giusto chiedersi se queste immagini ci stanno aiutando o nuocendo. Così l’artista ha spiegato la sua performance durante un’intervista pubblicata da Telecinco.es.

Chissà come reagirebbe Erving Goffman, fra i primi a studiare gli atteggiamenti di donne e uomini nelle riviste americane, di fronte all’assurda artificiosità di certe pose!

Ecco di seguito il video…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *