close

Cuba: Yoani Sanchez viene di nuovo arrestata all’Avana

Yoani Sanchez, la blogger dissidente cubana, è stata arrestata per l’ennesima volta ieri sera all’Avana, insieme al dissidente anti-castrista Guillermo Farinas e un’altra ventina di persone.

La Sanchez e le altre persone fermate, si stavano recando al commissariato di polizia di Acosta, per chiedere informazioni sull’arresto di Antonio Rodilles, l’attivista che secondo la blogger è stato arrestato “in modo arbitrario” dalle autorità cubane. La visita è costata l’arresto del gruppo, del quale è stata rilasciata, dopo otto lunghe ore d’interrogatorio, solo la Sanchez.

Da quanto ha raccontato la stessa giornalista tramite il suo profilo Twitter, l’arresto è avvenuto nellayoani sanchez blogger cubana serata dell’8 novembre, quando l’attivista 37 enne fondatrice del del blog “Generation Y“, si è recata presso il commissariato dell’Avana dov’è stata arrestata, questa volta, con l’accusa di “disturbo alla quiete pubblica e indisciplina sociale”.

Appena è stata rilasciata, Yoani ha informato i suoi amici e tranquillizzato i suoi familiari postando un tweet in cui ringrazia tutti per la solidarietà ricevuta.

Non è la prima volta che Yoani viene arrestata, già il mese scorso, infatti, era stata detenuta per trenta ora insieme al marito, il giornalista indipendente Reinaldo Escobar, e ad Agustin Lopez, per aver cercato di assistere e raccontare il processo contro Angel Carromero.

Ricordiamo, che quest’ultimo è un giovane politico spagnolo, accusato di omicidio dopo la morte in un incidente stradale dei dissidenti Oswaldo Paya e Harold Cepero.
Per ora, quindi, è stata rilasciata solamente la Sanchez, mentre continua il fermo per gli altri esponenti del movimento anti-regime “Gruppo dei 75”.

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi