close

Cristina Kirchner vs l’FMI di Christine Lagarde: 28 tweet furiosi

Ormai lo si sa da tempo l’argentina dopo il default del 2001, arrivato pur seguendo l’amara ricetta del Fondo Monetario Internazionale, ormai da anni non è più una nazione “affidabile” per gli investitori internazionali, almeno secondo le linee guida dell’FMI, che la nazione Sud Americana guidata dalla “Presidenta” Cristina Kirchner si rifiuta di seguire in nome di una maggiore giustizia ed equità sociale. E’ ormai famosa la frase della Kirchner: “Preferisco avere un’inflazione altissima e spropositata se so che la disoccupazione dal 34% è scesa al 3,5%; che la povertà è diminuita del 55%; che il pil viaggia di un +8% annuo; che la produttività industriale è aumentata del 300%; che c’è lavoro in Argentina, c’è mercato per tutti, e il mio popolo è molto ma molto più felice di prima, piuttosto che avere un’inflazione del 3% come in Italia, dove c’è depressione, disperazione, avvilimento e l’esistenza delle persone non conta più. E questa è un’affermazione politica. Di principio e sostanziale. Non lo ha ancora capito?”

CristinaKirchner_ArgentinaEd è proprio questa filosofia a non piacere al Fondo Monetario Internazionale ed ai Fondi d’Investimento in genere, poiché non è controllabile dalla finanza, avendo l’Argentina cominciato ad avere politiche anticicliche interne e facendo a meno ormai da anni degli investimenti esterni per sostenere la domanda e la creazione di posti di lavoro e prodotti. Così, oggi dopo l’ennesima critica arrivata dall’FMI, secondo cui le statistiche fornite dall’istituto nazionale argentino sarebbero “inesatte” su inflazione e Pil dell’Indec.

La Kirchner si è sfogata, come farebbe chiunque di noi forse, su Twitter con un ritmo infernale, tanto da aver twittato ben 28 tweet in meno di mezzora, una media invidiabile. E nei suoi tweet a messo a nudo tutte le debolezze evidenziate in questo periodo di crisi economica, ma soprattutto finanziaria a livello globale, da Christine Lagarde e i suoi che lavorano in FMI. Una pioggia di tweet senza insulti, ma con molte costatazioni “sagge” su cui riflettere; poiché se è pur vero che il modello argentino non è perfetto, forse una via alternativa a quella dettata dai Mercati Finanziari è auspicabile a meno di non generare una crisi sociale sempre più grave, fino ad arrivare rivolte e rivoluzioni, poiché la fame e la disperazione portano a questo, meglio che i mercati e i nostri politici lo capiscano in tempo.

Tag:, , , ,

Show 1 Comment

1 Comment

Partecipa alla discussione

Story Page