close

Crisi di Governo: Monti saluta e se ne va. Adesso Berlusconi nei guai!

Arriva l’ennesimo gesto di coerenza di Mario Monti, che salito al Colle per incontrare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha annunciato le sue dimissioni da Presidente del Consiglio dei Ministri, dopo la sfiducia del PDL che le dichiarazioni del segretario Alfano e di Silvio Berlusconi hanno reso una situazione irrecuperabile, ed ovviamente, inammissibile per una persona seria che non ha intenzione di andare a questuare voti in Parlamento.

La decisione di Monti di lasciare subito dopo l’approvazione della Legge di Stabilità, anticipando di fatto di un mese la fine del Governo, scarica tutte le responsabilità sulla scellerata strategia del PDL, che in nome del ritorno in campo di Silvio Berlusconi e di accorpare  regionali e politiche, così da non peggiorare la percezione del partito, ha staccato la spina al Governo dei tecnici. Molti i provvedimenti che potrebbero essere bloccati da questa scelta: da quello che evita la chiusura dell’ILVA, passando per la cancellazione delle 35 province che verrebbe annullata, per finire con la legge elettorale che resterebbe “il porcellum” in nome dell’ingovernabilità.

La notizia delle dimissioni di Monti ha creato scompiglio sia a livello internazionale, che all’interno delle forze politiche. Prima fra tutte il PDL che ha generato il precipitare della Crisi di Governo, tant’è che Crosetto, l’ex ministro degli esteri Frattini e Pisanu sembrano volersi dissociare dalla linea messa in campo dai berlusconiani.

Tag:, , , ,

Show 10 Comments

10 Comments

  • avatar image
    boscolo giancarlo
    9 dicembre 2012 Reply

    lungi da me approvare l'azione di alfano con tutti i danni che hanno creato prima loro ma questo monti solo adesso scopre la dignità, quando distruggeva la vita dei pensionandi (vedi esodati e altri) e quando applicava l'equità solo a parole o delle liberalizzazioni senza farle per non scontentare i potenti dove era la sua dignità

  • avatar image
    Anticasta
    9 dicembre 2012 Reply

    Alfano, il pupo del nano. E' una vergogna avere gente del genere in giro per l'Italia.

  • avatar image
    Filippo Franciosi
    9 dicembre 2012 Reply

    Perché nei guai? Caso mai Monti è stato fatto dimettere troppo tardi

  • avatar image
    pinipilo
    9 dicembre 2012 Reply

    Il Dott., Sig., Presidente del consiglio, è stato incaricato: in modo indegno, si è comportato coi cittadini: in modo indegno, se ne va' : furbescamente da vigliacco in quanto sa' benissimo che non c'è piu' niente da fare per cercare di risanare un paese al tracollo se non continuare torchiare i cittadini che prima o poi gli si rivolterebbero contro. Cosa ha fatto per diminuire i costi dei parassiti di stato partendo dai governanti per finire ai dipendenti pubblici ??????? NIENTE, anzi se consideriamo i sacrifici dei "comuni mortali" si privilegiati sono stati favoriti.

  • avatar image
    LUCIO
    9 dicembre 2012 Reply

    MONTI; ERA ORA KE ANDASSE A MORIRE .BASTARDO HA IMPOVERITI GLI OPERAI ITALIANI .LO AMMAZZEREI SENZA PENSARCI NEANCHE UN SECONDO. MSI

    • avatar image
      ferrino
      9 dicembre 2012 Reply

      lucio ti sei fatto una canna, con il catramato abbiamo accumulato tanti debiti da non vedere la fine , e ancora lo vuoi proteggere , il nano perverttito, maniaco sessuale

  • avatar image
    mose
    9 dicembre 2012 Reply

    Ma nessuno di voi miserabili lecchini si ricorda che tutti i provvedimenti proposti da monti sono stati votati dalla maggioranza politica PDL PD UDC voi siete dei vigliacchi non monti

    • avatar image
      pinipilo
      9 dicembre 2012 Reply

      votati con la pistola "del colle" alla tempia...svegliati, sei tu il miserabile

  • avatar image
    andrea
    9 dicembre 2012 Reply

    Monti scappa come un coniglio,e si vuole presentare alle elezioni per rubare ancora i soldi.Buffone lui ed il presidente della repubblica !!!

  • avatar image
    Rita Biagi
    10 dicembre 2012 Reply

    ERA ORAAAA...!!!

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi