Il Commissario Montalbano invecchia ma non stanca. Grandi numeri infatti per lo show di Luca Zingaretti che ogni settimana, seguendo le sue indagini in prima serata sulla rete ammiraglia, mette sempre a segno ascolti interessanti, nonostante i ben otto anni di trasmissione.

Lunedì scorso è andato in onda “Il gioco delle tre carte” e Montalbano ha portato a casa ben 7 milioni 883 mila spettatori e il 29,05% di share. Niente male per una serie tv tutta fatta in Italia.

Il fascino del commissario siciliano va ricercato un po’ nelle sue radici letterarie, quelle dei romanzi di Andrea Camilleri, un po’ nella confezione dell’episodio, sempre molto curata, ma soprattutto nell’interprete, Zingaretti, che dopo otto anni è ancora un Montalbano efficace e interessante, divertente e acuto, e con un rapporto complicatissimo con le sue donne.

E’ pur vero che l’apripista del popolare show è Affari tuoi, commissario montalbano nuova serie raiil “gioco dei pacchi” che, non si capisce bene per quale contorta dinamica psicologica, tiene da 6 milioni 44 mila spettatori in media incollati alla televisione.

Non sono servite le variazioni de Il Giovane Montalbano per cercare di rinnovare il franchise televisivo, perché Salvo ci piace così come siamo abituati a vederlo: calvo, ironico e scostante e con la faccia di Luca Zingaretti.