close

Borse Luis Vuitton: ora è possibile anche personalizzarle!

Che tutte le donne sognino una borsa Luis Vuitton nella vita, non c’è da meravigliarsi, ma che le star ne preferiscano alcuni modelli unici fatti solo per loro è davvero da fanatiche.

Ai tempi di Audrey Hepburn erano gli stilisti a proporle il modello unico per dare fama al marchio, ora sono le attrici e le cantanti a richiedere la personalizzazione. Katie Holmes, ad esempio, sfoggia tra uno shopping e l’altro, una Vuitton con righino verde al centro chiamata Speedy Mon Monogram. Mentre quella di Audrey Hepburn del 1965 era la classica Speedy 25 messa a punto per lei e successivamente entrata tra i classici più richiesti del marchio, la Mon Monogram aggiunge un particolare personalizzato.

Il processo di timbratura che avviene su richiesta non è poi così di libera scelta come possiamo pensare. Infatti, chi vuole un modello unico deve comunque scegliere tra solo sedici colori per le bande diagonali e sole tre dimensioni per le iniziali “LV”.

Per quanto riguarda, invece, le caratteristiche louis vuitton mon monogramgeneriche della hand bag ci sono sempre: la chiusura S-Lock  con il lucchetto in ottone, cuciture tipo sellaio, manici in pelle Epi (particolare lavorazione della pelle di mucca, tipica della maison Vuitton), rivetto con l’incisione Luis Vuitton e tintura rossa sul bordo del manico.

Insomma avere una borsa Vuitton fa sempre scena, ma non dobbiamo dimenticare che, essendo un accessorio lavorato artigianalmente ha i suoi svantaggi in termini di praticità.

Nonostante la Speedy sia una borsa ripiegabile e impermeabile grazie alla pelle in vacchetta naturale, i manici tendono col tempo a scurirsi a tal punto da sembrare vecchi e sporchi. Alcuni rimedi naturali sono: l’olio di mandorla e la gomma da cancellare che non eliminano il problema ma lo nascondono parzialmente.

Tag:, , , ,

Show 1 Comment

1 Comment

  • avatar image
    Amo le borse
    19 dicembre 2012 Reply

    Luis Vuitton è Luis Vuitton poi se personalizzata tanto meglio.

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi