close

Beppe Grillo minacciato dalla Mafia? Secondo alcuni è in pericolo!

Niente comici e froci al governo”, firmato Cosa Nostra. Questa è una parte della lettere di minacce che la Mafia ha fatto arrivare al PM Di Matteo, tramite un uomo d’onore trapanese. La lettera che ha risvegliato in tanti la paura di riavere stragi simili a quelle del ’92, in cui morirono i giudici Falcone e Borsellino, ha fatto subito scattare la massima allerta tra le Forze dell’Ordine che hanno rafforzato le scorte dei giudici e le attività di intelligence sul territorio siciliano e nazionale. Si pensa che in un periodo di crisi e cambiamento come quello attuale, per molti versi peggiore di quello di inizio anni ’90, Cosa Nostra possa tornare a fare la voce grossa, cercando di fermare il rinnovamento di cui c’è voglia e sentore.

Beppe_Grillo_Mafia_MinacceLa frase nella lettera però non è rivolta solo ai PM che operano in Sicilia, ma anche a “comici e froci”, che come hanno evidenziato in tanti sono riferimenti diretti e chiarissimi a Beppe Grillo e al suo Movimento 5 Stelle, che soprattutto in Sicilia sta operando e cambiando molti meccanismi che facilitavano l’attività mafiosa, e allo stesso Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta del Partito Democratico che assieme ai grillini governa e tenta di cambiare la terra sicula. Così, sono Il Fatto Quotidiano e il suo giornalista Andrea Scanzi sui social network ad accendere un riflettore sulla minaccia rivolta al comico genovese.

Poiché, giustamente le minacce non devono mai essere prese sottogamba, soprattutto, quando a farle sono gli uomini di Cosa Nostra, da sempre poco inclini a scherzi e burle. Sembra, comunque, che tutti gli obiettivi sensibili citati nella missiva intimidatoria siano già sotto osservazione delle Forze di Polizia, così anche se Beppe Grillo ha rifiutato la scorta, resta vigilato da Polizia e Carabinieri per assicurare che episodi tragici come quelli del ’92 non tornino ad insanguinare la nostra storia recente.

Tag:, , , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi