close

Avril Lavigne torna con un nuovo album omonimo

Nanananana complicated! E’ più o meno tutto quello che ricordiamo del suo brano d’esordio, brano che l’ha resa famosa anche da noi dal lontano Canada. Dal 2002 sono passati ben 11 anni e intanto Avril Lavigne si è sposata, ha cambiato look ed  diventata donna.

Dopo due anni di silenzio (nel 2011 il suo ultimo album “Goodbye Lullaby”), la Lavigne ritorna con un album omonimo “Avril Lavigne” che, dopo un pre-annuncio fissato per il 24 settembre scorso, arriverà invece ufficialmente nei negozi di dischi e negli store on line il prossimo 5 novembre. La cantante canadese è pronta a riprendere il suo posto nel panorama internazionale musicale e, come per molti suoi colleghi, si prepara a sfoderare un album che vanta preziose collaborazioni.

E’ già disponibile “Let me go”, ballata romantica che Avril ha realizzato con la collaborazione di Chad Kroeger (leader dei Nickelback e marito di Avril) e che si può ascoltare su Vevo e Youtube (disponibile in calce all’articolo), mentre, tra le tredici canzoni di cui sarà composto il nuovo album, si parla già di una collaborazione con Marilyn Manson che ha fatto anche discutere su un probabile flirt trai due; il brano si intitola “Bad Girl”.

Un look ancora più dark ma anche più adulto, Avril, nella avril lavigne dark abito sposa nero amtrimonioCover del dischi appare sempre biondissima ma pallida e con un pesante trucco nero, che nell’insieme le dona moltissimo.

La giovane artista ha dichiarato: “Scrivo da sola le mie canzoni, quindi mi serve più tempo prima di andare in studio e registrare i brani. E’ la mia vita la mia fonte d’ispirazione”.

E così vale anche per Avril Lavigne”, che è stato registrato nel corso di quest’anno in California, presso gli Henson Studios di Los Angeles. Il disco è co-prodotto da Lavigne, Chad Kroeger, Martin Johnson, già vecchio collaboratore, e David Hodges, che prima era nella formazione degli Evanescence e che ha già lavorato con artiste del calibro di Anastacia e Céline Dion.

Tag:, ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi