close

Attentato Boston: molti punti da chiarire sui due Tsarnaev

Mentre Dzhokhar Tsarnaev l’attentatore di Boston rimasto vivo e curato al Federal Medical Center Devens parla di un possibile attacco a New York, aumentano i dubbi su molte persone che vivevano con i due fratelli.

Mentre cominciano a chiarirsi i contorni dell’attentato alla Maratona di Boston, messo in atto dai due fratelli Tsarnaev, per voce dell’unico dei due rimasto vivo, che ha persino confessato, che era già in programma un attentato in grande stile a Times Square nel cuore di New York con l’artigianale ma sanguinosa tecnica messa in atto all’arrivo della maratona di Boston. La polizia, l’FBI e la CIA continuano a scavare nella vita dei due attentatori.

fratelli_tsarnaev_BostonIn molti, infatti, temono che non siano stati soli ad agire e che ci sia un sistema di coperture che gli abbia consentito di operare indisturbati, procurandosi tutto il necessario per la creazione delle bombe. In particolare, si indaga sulla moglie del fratello maggiore morto durante la fuga il 18 aprile, che sostiene di non aver capito cosa stesse facendo il marito e di essere totalmente estranea ai fatti.

I due provenienti dal Daghestan come si apprende da fonti dell’informazione USA, sembra fossero già sotto la lente di ingrandimento della CIA, che reputava soprattutto il fratello minore un vero e proprio estremista islamico, senza immaginare che fosse già pronto ad immolarsi per la sua fede.

Intanto, si indaga a 360° negli ambienti vicini ai due, senza escludere nessuno. E i genitori al momento non sono ancora partiti per l’America, anzi si sarebbero spostati dal Daghestan in un’altra parte della Russia, secondo alcune fonti per problemi di salute del padre dei due attentatori. ù

Insomma, la situazione sembra davvero molto intricata ed è difficile credere che i due abbiano potuto pianificare l’attentato in segreto, senza che nessuno avesse nemmeno un minimo sospetto su quanto stesse per accadere. Proprio questo fa propendere le forze di polizia verso l’esistenza di una possibile rete di estremisti che ha plasmato e protetto i due fratelli Tsarnaev.

Tag:, , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi