close

Attentato Boston: il bilancio dice 3 morti e oltre 140 feriti, anche gravi

Abbiamo seguito per tutta la notte il tragico susseguirsi degli eventi e delle notizie che arrivavano dal traguardo della Maratona di Boston, dove due bombe esplose a poca distanza e dopo pochi secondi l’una dall’altra, hanno, purtroppo, generato morti e feriti. Il bilancio definitivo al momento racconta di tre vite spezzate, tra cui quella si un bimbo di otto anni ed oltre 140 feriti, di cui alcuni in gravissime condizioni, cui sono stati amputati arti. Un attacco inatteso, un attentato cui lo stesso Presidente Barack Obama non ha saputo dare una spiegazione, anche se ha assicurato che i responsabili saranno perseguitati e assicurati alla giustizia.

bomba_BostonL’FBI parla apertamente di attentato, ma la pista più probabile porta ad un gruppo di terrorismo interno. Ieri sera Boston ha passato ore di terrore, con la città paralizzata, le comunicazioni cellulari interrotte per evitare che altre bombe potessero essere attivate e intere zone della città evacuate per timore di altre bombe. Innalzate le misure di sicurezza anche a Washington attorno a Casa Bianca e Pentagono e nelle altre principali città della Costa Est, ma anche a Los Angeles e San Francisco, la polizia è in allerta.

Smentita la notizia dell’arresto di un giovane saudita, mentre viene confermato che c’erano altre bombe, disinnescate dagli artificieri, per un totale di 5 ordigni. Mentre non si ha ancora una conferma ufficiale della terza bomba esplosa, quella alla biblioteca JFK. Questo per far capire lo stato di confusione generato da questo attentato, che ha lasciato tutti attoniti, facendo ripiombare gli Stati Uniti e il Mondo nell’incubo 11 settembre.

 

Tag:, , , , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi