close

Arabia Saudita: Hafuf sarà la città industriale per sole donne

E’ il caso di parlare di una svolta o di “ghettizzazione”  del sesso femminile?

Un progetto portato avanti dalla Saudi Industrial Property Authority (autorità per lo sviluppo industriale dell’Arabia Saudita), prevede la costruzione per il 2013 di una città industriale per sole donne.

Arabia Saudita Hafuf città donne

Il progetto nasce dall’esigenza di conciliare le aspirazioni lavorative femminili con la divisione dei sessi prevista dalla Shari’a (legge islamica che ha come fonti il Corano e la Sunna); nella suddetta città le donne potranno infatti lavorare senza entrare in contatto con le persone di sesso maschile e senza trasgredire la legge.

La città consisterà in un intero distretto industriale gestito da personale femminile, il quale verrà collocato nella parte orientale del Paese portando 5000 nuovi posti di lavoro, e prenderà il nome di Hafuf.

Ricordiamo che la legge islamica non vieta alle donne di lavorare, ma la loro condizione è comunque critica. In Arabia Saudita le donne non possono guidare l’auto, non possono girare liberamente per le strade se non accompagnate da un uomo, e nonostante più del 50% delle persone laureate nell’intero Stato siano di sesso femminile, il 78% di queste è senza lavoro in quanto privilegiato il lavoro maschile.

Da qui nasce quindi l’esigenza di un piano di sviluppo volto a migliorare l’immagine e l’economia del paese.

Non scordiamoci inoltre che, per la prima volta, solo quest’anno delle atlete saudite hanno potuto partecipare alle Olimpiadi , e che le donne potranno votare e partecipare alle elezioni amministrative solo a partire dal 2015.

Già da un po’ di tempo in Arabia Saudita esistono delle compagnie che accettano (da notare il termine) una piccola percentuale di personale femminile, soprattutto nei negozi di lingerie e nelle profumerie; ma è ritenuta Hafuf la vera svolta.

Ma si può considerare positivamente un’azione che andrà, si, a favore della carriera lavorativa femminile,ma peggiorerà la loro integrazione all’interno del Paese?

Tag:, , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi