Categorie
Programmi TV Senza categoria

Anticipazioni The Vampire Diaries 4×21: sinossi e nuovi video

Un’altra settimana è volata in men che non si dica e questa sera, finalmente, andrà in onda sul canale statunitense CW, il ventunesimo episodio della quarta stagione di The Vampire Diaries, che vedrà i fratelli Salvatore, Damon e Stefan, alle prese con una spietata Elena!

Ci avviciniamo sempre di più alla fine di questa stagione di TVD e quella che vedremo in onda stasera sarà la terzultima puntata prima dell’epilogo finale. La questione continua ad essere estremamente intricata e interessante; Elena non ha ancora riacquistato la sua umanità e continua ad essere spietata e sanguinaria; Rebekah è a caccia della cura, che ora, però, è nelle mani di Silas; Klaus ha appena scoperto che Hayley aspetta un figlio da lui; Elijah ha detto addio a Katherine. Insomma, nulla sembra essere al suo posto!

The Vampire Diaries 4x21Ma torniamo a questa notte, quando andrà in onda la puntata 4×21, dal titolo She’s Come Undone. Se l’ultima puntata è girata intorno agli Originali, la ventunesima, invece, girerà proprio intorno a Elena, Stefan e Damon. I due fratelli Salvatore, dopo aver tentato di far redimere Elena tenendola rinchiusa e a digiuno, passeranno a maniere decisamente più forti, torturandola.

Anche questa volta, però, la giovane Gilbert sarà più furba di loro e, forse sfruttando l’amore che i due fratelli provano per lei, li farà cadere in trappola. A questo punto Damon e Stefan, inaspettatamente, chiederanno l’aiuto di un misterioso personaggio. Sarà Jeremy?

Intanto, Caroline e Klaus si incontreranno e l’incontro avrà anche del pericoloso. Caroline, inizialmente cerca anche di far desistere i fratelli Salvatore dal torturare Elena, ma alla fine capirà che deve lasciarli fare.

Infine, Katherine riceve un’inaspettata proposta da Bonnie, per un’alleanza per il raggiungimento di un obbiettivo comune. C’è da fidarsi?

Eccovi tre nuove clip:

httpv://www.youtube.com/watch?v=pzROB0Oz6BU

Rebekah: Mi domandavo se avresti detti ciao o continuato a ignorarmi.
Matt: Stavo lavorando. Senti, hai di nuovo soggiogato il barista.
Rebekah: Sto festeggiando. Io e miei fratelli non ci vedremo più. Elijah e Nick sono andati a New Orleans a cercare Dio sa cosa e io sono finalmente libera.
Matt: Sì, l’ho saputo.
Rebekah: Hai saputo anche che ho perso la cura? Ero così vicina alla vita che ho sempre voluto e poi… puff! Andata via per sempre.
Matt: Mi dispiace, so quanto era importante per te.
Rebekah: Ti prego, lo so che avevi in mente di rubarla per Elena. Non ho mai avuto nessuna possibilità, vero?
Matt: Dicevo sul serio. Ma se vuoi autocommiserarti, continua pure.

httpv://www.youtube.com/watch?v=1lNIr-68FOw

Elena: Damon non ha ragione. Non voglio stare qui.
Damon: Qual è il tuo problema? Non vuoi stare con i tuoi amici? Festa di diploma? Cappello e toga?
Elena: Cos’è questo? Non siamo qui per davvero, giusto? Siamo nella mia mente.
Damon: Rilassati. Voglio solo mostrarti tutte le cose che ti stai perdendo da quando hai fatto l’enorme salto dal nido.
Elena: L’ultima cosa che ricordo…
Damon: Fammi indovinare: bel vestito, splendida pettinatura, hai cercato di uccidere Bonnie. Per fortuna c’ero io a prendermi cura di te.
Elena: Mi avete fatta morire di fame. Tu e Stefan.
Damon: No, dovevamo farti rimanere debole così che potessi portarti qui. Ecco quello che penso: se ti rendo nostalgica, allora avrai già quello che ti farà riavere la tua umanità.
Elena: Non funzionerà, Damon.
Damon: Bene, ci sono altri modi per provocare una risposta emotiva.

httpv://www.youtube.com/watch?v=1bJh7eZfXt4

Stefan: Nessuno può vederla, questo è il punto centrale. L’isolamento porta alla tristezza che porta alle emozioni.
Caroline: È qui da giorni, non è migliorata per niente?
Stefan: Lei non vuole, Caroline. Non ancora. È devastata: ha perso suo fratello, ha attaccato i suoi amici, ha ucciso una donna innocente.
Caroline: Hai detto che sapevate come aiutarla.
Stefan: È vero. E infatti è così.
Caroline: Come? Torturandola?
Stefan: Non la stiamo torturando, stiamo intervenendo. L’unica possibilità che abbiamo è quella di provocarla, di innescare qualcosa: paura, rabbia, autocommiserazione, qualunque cosa.
Caroline: Fammi parlare con lei. Prima che continuiate a intervenire. Se è debole non può farmi del male. Ti prego, fammi solo provare

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *