close

25 novembre: giornata internazionale contro la violenza alle donne

Oggi, 25 novembre, ricorre la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne. Inaugurata nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la giornata serve a stimolare i governi, le organizzazioni governative, le associazioni affinché sensibilizzino l’opinione pubblica sul tema degli abusi cui sono vittime le donne.

giornata violenza donneLa data è stata scelta da un gruppo di donne durante l’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi nel 1981 (Bogotà-Colombia) in ricordo dell’assassinio delle tre sorelle Mirabal, Patria, Minerva e María Teresa, avvenuto in questo stesso giorno nel 1960: le tre donne furono uccise perché in contrasto con la dittatura domenicana di Rafael Leónidas Trujillo.

Una donna su cinque è vittima di violenza o di un tentativo di abuso. Questo il dato che ci fornisce l’ONU. Lo sapevate? Forse no perché la violenza sulle donne continua ad essere tremendamente e senza senso avvolta dal silenzio. Un silenzio assordante per le donne che la subiscono e magari non hanno il coraggio di denunciarla.

La violenza contro le donne non fa rumore. L’ha dimostrato anche un esperimento (vedi il video alla fine del post) condotto da una ONG in un quartiere di Johannesburg: una sera un ragazzo suona la batteria nella sua casa, provocando la pazienza dei vicini che, uno dopo l’altro, bussano alla sua porta per intimargli di smettere. Un’altra sera, lo stesso ragazzo, nella stessa abitazione fa partire ad alto volume la registrazione di una discussione tra un uomo e una donna, discussione che termina con forti percosse a danno della donna che grida. Quanti vicini hanno bussato alla porta? Quanti sono corsi in aiuto della donna? Quanti hanno chiamato le forze dell’ordine? Nessuno. Non fa rumore la violenza contro le donne.

Oggi, 25 novembre, apriamo le nostre orecchie, usciamo dalle nostre case e reagiamo: facciamo capire a chi non sa ascoltare che la violenza sulle donne si sente, c’è, è un rumore che rompe l’anima. Il silenzio rende complici.

Tag:, , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi