Categorie
Bellezza & Salute

Cosmoprof 2014: sempre più grande, sempre più ricco anche con le riviste di EBellezza

Ci siamo, la 47ma edizione del Cosmoprof è alle porte. E definire questa fiera l’evento più importante del panorama italiano ed europeo del make up e della nail art, è facile soprattutto se si leggono i dati dell’ultima edizione, che quasi certamente verranno superati da quella che partirà, sempre a Bologna, dal 4 al 7 aprile.

Lo scorso anno ben 193.842 visitatori provenienti da 135 Paesi hanno fatto visita ai padiglioni della fiera, che contenevano oltre 2.390 espositori (di cui 1.500 operatori di settore internazionali), 24 Country Pavillions (e, quest’anno vi saranno ulteriori nuovi Paesi). Insomma, numeri che fanno del Cosmoprof una sorta di Expo del trucco e dell’arte di abbellire il proprio corpo. Il tutto valorizzato da inviati di moltissime testate cartacee e web, anche internazionali, visto che lo scorso anno ben 174 giornalisti erano provenienti dall’estero, e tutto è trasmesso in live streaming anche sul sito web dell’evento: cosmoprof.com.

unghie_itbag_ricostruzione_smalto_tipIl Cosmoprof non è soltanto una fiera, dove si incontrano domanda e offerta, ma anche un luogo in cui si definiscono e si possono conoscere le nuove tendenze della moda, del make up e della nail art. Basti pensare che a contorno, se così si può dire, c’è la Beauty in Vogue Night, in partnership con Vogue che segna di fatto il trend per i prossimi mesi in fatto di look e “moda per il corpo”.

Ed anche quest’anno al Cosmoprof vi aspetta lo stand della rivista Unghie & bellezza (non la conoscete? Date un’occhiata) per conoscere quali sono i trend del momento e del futuro prossimo per migliorare il nostro trucco e capire come curare e abbellire le nostre unghie. Il tutto con il solito supporto passo passo, con tutorial, tante foto dettagliate e tutto quello che serve per diventare delle provette estetiste, anche stando tranquillamente a casa. L’importanza del settore nail art è dimostrato anche dalla sistemazione del Nail World nel padiglione 36, quello principale del quartiere fieristico, una sorta di promozione che sta letteralmente esplodendo negli ultimi mesi, soprattutto grazie alla passione delle giovanissime per l’arte delle unghie e delle mani.

Unghie & bellezza insieme a tanti altri attori del settore, aspettano tante donne, e non solo, proprio al padiglione 36 per una serie di giornate entusiasmanti, che certamente cambieranno il nostro modo di percepire la cura del corpo e la moda per la prossima estate, con spunti che ci renderanno certamente irresistibili ed uniche.

Categorie
Curiosità

Se le mamme sono attive lo saranno anche i figli

I bambini, soprattutto in età prescolare, sono intensamente influenzati dalle abitudini materne.mamma-al-telefono-in-cucina-con-bambino-in-braccio

È quanto viene divulgato da uno studio pubblicato sulla rivista Pediatrics ad opera dell’autrice Esther Van Sluijs, dell’Università di Cambridge.

Si sostiene che le abitudini delle mamme influiscano notevolmente su quelle dei figli.

“Più una mamma è attiva, più attivo sarà il proprio bambino”.

I ricercatori, in fase di sperimentazione, hanno coinvolto più di 500 madri con i rispettivi figli, sottoponendoli attraverso un monitor connesso ad un accelerometro e cardiofrequenzimetro, ad un’osservazione minuziosa dei propri battiti cardiaci e dei ritmi del loro movimento, registrando così i loro livelli di attività fisica per una settimana. I dati ottenuti, sia dalle mamme che dai bambini, sono stati messi a confronto e da questi dati sperimentali è risultato, appunto, che i modelli di attività (quindi l’essere attivi o meno) delle mamme e dei bambini sono strettamente correlati.

L’esperta Esther Van Sluijs sostiene, infine, che non esistono “bimbi naturalmente attivi”, in quanto sono le attività dei genitori ad influenzare gli atteggiamenti dei figli.

In sostanza, secondo questo studio,  l’essere attivi non è una qualità congenita ma, al contrario, deve essere stimolata dai genitori sin dai primi anni di vita dei bambini.

Categorie
Gossip

L’attrice Mila Kunis aspetta un figlio

Secondo la rivista americana People, sembrerebbe che la giovane coppia di attori, Mila Kunis e Ashton Kutcher, diventeranno genitori del loro primo figlio.Mila-Kunis-Ashton-Kutcher

Lei attrice e doppiatrice, lui modello e attore, stanno insieme già dal 2012, da quando Ashton Kutcher pose fine alla storia d’amore con Demy Moore, con la quale è stato sposato per ben sei anni, nonostante la notevole differenza d’età.

La sintonia tra i due, Mila Kunis e Ashton Kutcher, è nata sul set di “That ’70 show” e da allora le cose tra i due cambiarono, scoccò un vero e proprio amore!

Da una fonte molto vicina alla coppia, sembrerebbe che l’attesa per l’arrivo del bebè abbia reso i due  molto felici ed ancora più affiatati.

Altre voci parlano di nozze imminenti tra i due. Sembrerebbe, infatti, che l’attrice sia stata avvistata con un anello al dito.

Categorie
Curiosità

98 figli da 98 donne diverse

Ed Houden (anni 45) originario di Maastricht (Olanda), ha 98 figli tutti avuti da donne diverse. L’olandese, difatti,  è un donatore di seme e vanta appunto il record di 98 donazioni da cui sono nati 98 bambini.

Ed Houden è un uomo assolutamente generoso, ha donato il suo seme a coppie omosessuali, donne single, e soprattutto normali coppie con difficoltà ad avere bambini.

Inizialmente le sue donazioni avvenivano con il metodo della provetta alla banca del seme, senza alcun contatto con le donne.

Successivamente, Ed Houden, che si definisce un “donatore caritatevole”, ha deciso di continuare a donare il suo seme ma a patto che la donazione avvenisse in maniera del tutto naturale, ovvero con veri rapporti sessuali con le donne.

Sembra strano ma pare che sia proprio così. Ed alcune mamme si sono dette contente di poter far conoscere il padre biologico ai propri figli.

Eppure, contrariamente a quanto ci si possa aspettare, sembrerebbe che Ed Houden abbia avuto il primo rapporto sessuale a 34 anni.

Nonostante il piacere che prova a donare il seme, Ed non ha nascosto di avere il desiderio di avere dei figli tutti suoi.

Categorie
Costume & Società

Primavera alle porte… meglio programmare le vacanze per tempo!

L’inverno più “caldo” degli ultimi anni e le tante giornate di sole ci hanno accompagnato alle porte della primavera, che nei mesi più caldi tra Pasqua e altre festività ci regalerà non poche occasioni di “vacanza” con weekend lunghi e giornate assolate.

foto-gallery-home1Giornate in cui oltre a rilassarsi si possono scoprire località non molto note a tanti di noi, ma che riescono comunque a regalare scorci, gite ed escursioni memorabili. Come i Lidi Ferraresi, noti anche come Lidi di Comacchio, sono costituiti da sette località balneari che oltre a spiagge e mare offrono un’importante meta per i naturalisti come il Parco del Delta del Po, dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Ma ovviamente per vivere al meglio ambienti naturali così ricchi e incantevoli c’è bisogno di poter avere una struttura turistica adatta a tutti, come il Park Gallanti Village, che nel Lido di Pomposa mette a disposizione di famiglie, coppie e comitive una serie di strutture abitative che vanno oltre quelle del classico camping, fino ad arrivare al vero e proprio hotel, con tanto di bungalow per il massimo della libertà e della privacy.

E per chi volesse godere di attrazioni culturali, oltre alla natura, vi sono, l’Abbazia di Pomposa oltre alle note città limitrofe Ferrara e Ravenna ricchissime di storia ed arte. Senza trascurare il divertimento di eventi e della tipica movida della riviera adriatico-romagnola, perfetta per passare le vacanze sia in primavera che in estate!

Categorie
Curiosità

Mangiarsi le unghie può provocare la morte

E’ accaduto a Londra ad un giocatore inglese di football amatoriale, John Gardener  (40 anni), deceduto per un attacco di cuore dopo essersi mangiato le unghie.images

Il malcapitato John, come altre milioni di persone al mondo, aveva il vizio di mangiarsi le unghie fino a farle sanguinare, senza avvertire alcun dolore essendo ormai abituato a tale gesto. Purtroppo per lui, i taglietti sulle mani provocati da tale brutta abitudine, hanno causato una setticemia, malattia del sangue, che non gli ha lasciato scampo.

Difatti, alla setticemia è seguito l’infarto e nonostante l’immediato trasporto in ospedale,  è morto due settimane dopo.

I parenti, ancora sotto choc, hanno riferito che ultimamente il vizio era aumentato notevolmente a causa di depressione e ansia.

Bisogna essere consapevoli che anche un gesto apparentemente innocuo come quello di “mangiucchiarsi” le unghie può essere pericoloso.

I piccoli taglietti provocati sulle mani, se non prontamente disinfettati, possono portare a gravi conseguenze che magari non si verificano subito ma che  con il trascorrere del tempo possono insorgere fino a provocare seri pericoli.

 

Categorie
Curiosità

Il “caffè” e le dieci cose da sapere

La bevanda più diffusa al mondo è senza dubbio il caffè, naturalmente dopo l’acqua. Esso rappresenta una “droga”, non solo perché se ne consuma una quantità abnorme ma anche perché il principio attivo che caratterizza questa famosa bevanda (cioè la caffeina), è presente in tutti i prodotti di interesse erboristico, farmaceutico, dietetico e cosmetico.                                                           images

Per tutti questi motivi e altri ancora, questa bevanda è molto “sfruttata” in diversi ambiti. Diversi dati rivelano che ci sono dieci cosa da sapere sul caffè.

1) Innanzitutto, nei paesi più freddi se ne consuma di più, infatti la Finlandia è tra i primi posti  con ben 12 kg pro-capite, mentre in Portorico se ne consuma molto di meno (solo 400 g.). Noi italiani invece siamo al dodicesimo posto, con 5.9 kg di caffè pro-capite.

2) Se bevuto in quantità abnormi, tipo 80 e 100 caffè circa in 4 ore, può provocare la morte.

3) Oltre  la caffeina contiene altri 1000 composti chimici in continua scoperta. Quindi può essere pericoloso.

4) Studi medici condotti nel 2008 dall’Università di Lund (Svezia) hanno affermato che la caffeina  può essere “un’ottima medicina” per ridurre i rischi di cancro al seno. Lo sostiene anche la Hardvard School: il caffè riduce anche i rischi di tumori alla prostata nell’uomo.

5) Il nome “caffè” nacque intorno all’anno 1000, allorquando alcuni commercianti arabi portarono in Africa dei chicchi di caffè da cui traevano una bevanda eccitante che chiamavano “qahwa”, appunto “eccitante”. Da qui la parola turca “kahve”,  in italiano “caffè”.

6) Viene utilizzato anche per i clisteri, nelle terapie mediche alternative.

7) E’ la bevanda che piace agli artisti. Al compositore Johann Sebastian Bach piaceva così tanto da dedicargli addirittura una cantata “Kaffeekantate”.

8) Ne bevono molto anche gli sportivi: secondo una ricerca condotta dall’Università del Queensland, 14 ciclisti, dopo aver assunto caffè un’ora prima della corsa, guadagnarono il 2 % in termini di velocità.

9) A Napoli viene usata la “robusta” che è la miscela che contiene il doppio della caffeina, mentre “l’arabica”, l’altro tipo di miscela,  è più leggera.

10) Infine,  quasi tutti i tipi di  caffè decaffeinato sono prodotti artificialmente. Solo la “Coffea charrieriana”, originaria del Camerun, è un prodotto naturale.

 

 

 

 

 

Categorie
Bellezza & Salute

Api: fonte di salute e di bellezza

Le api, a volte così fastidiose, sono però importanti per l’intero pianeta. Oltre al miele, producono numerose sostanze quali la cera d’api, la propoli, la pappa reale, tutti prodotti da cui trarre dei benefici sia per la salute che per la bellezza.images

Il miele, il prodotto più naturale che ci sia, è un ottimo antinfiammatorio per la gola ed ha effetti sedativi contro l’eccitazione nervosa e l’insonnia. I capelli, ma soprattutto la pelle secca, sono altre due possibili applicazioni per il miele con la sua azione lenitiva, idratante ed emolliente. Esso, inoltre, stimola la circolazione sanguigna dei capillari e così facendo previene l’invecchiamento precoce della pelle.

La pappa reale, ricca di vitamine B e di sali minerali, viene prodotta dalla secrezione delle ghiandole  delle giovani api operaie e costituisce l’unico elemento nutritivo dell’ape regina. L’assunzione in quantità e per un determinato lasso di tempo, provoca un piacevole senso di vigore. Scompare ogni senso di stanchezza e di svogliatezza ed è per questo che la pappa reale è consigliata agli atleti e agli sportivi. Inoltre, è un vero toccasana per la salute dei bambini, di qualunque età: risveglia l’appetito, combatte i disturbi intestinali e l’anemia, aumenta il tono generale dell’organismo. Studi medici hanno rivelato che il buon uso della pappa reale esercita una benefica azione sulla crescita, sulla pelle (la rende più morbida ed elastica), contro la forfora e la perdita dei capelli, sull’ulcera duodenale, sull’appetito e sul diabete.

Dalle  Api, tra l’altro, viene ricavato la Propoli che è considerata un “antibiotico naturale” : è costituito essenzialmente da acidi grassi, terpeni, aminoacidi, vitamine, sali minerali ecc.

Cosa è dunque possibile curare con la propoli? Soprattutto sintomi influenzali e piccole ferite. Questa sostanza è ottima in caso di raffreddore o mal di gola. La propoli può essere utilizzata poi in caso d’irritazioni della mucosa orale, come disinfettante e cicatrizzante per piccole ferite e per trattare l’herpes .

Infine, la cera d’api che esattamente come il miele, possiede proprietà terapeutiche di grande interesse per l’essere umano; viene utilizzata anche per guarire contusioni, infiammazioni ed ustioni. La cera d’api dona alle creme che la contengono grandi proprietà emollienti, molto utili per la pelle secca; inoltre idrata in profondità, creando una barriera impermeabile sulla pelle, per questo viene utilizzata per la preparazione di creme doposole e cerette depilatorie.

 

Categorie
Gossip

Kylie Minogue e le sue insicurezze: “odio le mie foto”

È una delle donne più famose e più belle al mondo – ma mentre milioni di donne farebbero qualsiasi qualcosa pur di assomigliare a Kylie Minogue, la stessa cantante non è molto soddisfatta del suo aspetto fisico.

In realtà, la cantante australiana ha così tanta paura dei servizi fotografici, che si rifiuta di guardare le foto, che spesso la ritraggono sulle copertine di note riviste e sugli album musicali. Ha dichiarato su “Stylist”: “Che ci crediate o no, provo ancora imbarazzo quando poso per le foto. Mi chiedo sempre: ‘Perchè tutti mi guardano?’. Ma loro devono farlo. Ecco perché loro sono qui ed è il mio lavoro. Non ho guardato il monitor nemmeno una volta (oggi) perché vedrei tutto quello che odio, diventerei ancora più insicura e mi odierei”.

Tuttavia, Kylie Minogue, che è stata fotografata dalla rinomata Ellen von Unwerth per il meraviglioso servizio di “Stylist”, ha aggiunto che lavorare con una professionista, come Ellen, ha reso tutto più semplice. Ha dichiarato: “mi piace poter recitare. Odio stare ferma e non mi piace quando bisogna posare di fronte un muro bianco e cercare di fare pose da modella. Non sono una modella – preferisco gli arredi scenici e avere cose da fare”.

Il 2014 segna un nuovo inizio per Kylie Minogue, che ha rilasciato il suo nuovo album “Kiss me Once”. Per il suo capolavoro, la cantante ha avuto la possibilità di lavorare insieme all’eccentrica e famosa produttrice, Sia Furler. Kylie ha rivelato: “è stata grandiosa e l’ammiro davvero tanto. Penso che sia una persona eccezionale”.

Categorie
Bellezza & Salute

Vuoi perdere peso? Assapora l’odore della frutta

Capita spesso di trovarci al supermercato ed essere indecisi su cosa comprare per la cena o per una semplice merenda pomeridiana: un sano chilo di mele o un bel pacco di biscotti al ciocciolato? Verdura a volontà o patatine fritte da friggere al volo? È una lotta quotidiana tra il cervello e la gola.

Ma ora gli scienziati hanno scoperto un modo semplice, per facilitare la scelta e seguire un corretto stile di vita e di alimentazione: sentire l’odore della frutta!

Una nuova ricerca suggerisce che l’esposizione al profumo, emanato dalla frutta, prima di selezionare gli alimenti da mangiare, può indurre il cervello a fare una scelta più salutare, specialmente al momento del dessert.

Un gruppo di psicologi dell’università di Bourgognon, in Francia, ha dichiarato che i loro risultati confermano l’associazione tra l’olfatto e la scelta del cibo. I ricercatori hanno analizzato 115 persone, di entrambi i sessi e di età compresa tra i 18 e i 50 anni. Prima dell’esperimento, un gruppo di volontari è stato accolto in una sala d’attesa, che emanava una fragranza alle pere, mentre un altro gruppo è stato ospitato in una stanza priva del profumo. Dopo 15 minuti, i partecipanti sono stati portati in un’altra sala, di fronte ad un buffet. La scelta dei piatti ricadeva su salumi misti o carote, cannelloni con sugo alla bolognese o risotto con verdure e salmone, dolci al cioccolato o una composta di mele. Anche se l’esposizione iniziale alla fragranza alle pere ha avuto poco effetto sulla scelta dei primi e secondi piatti, si è dimostrata efficace al momento del dessert. La maggior parte dei partecipanti, che non avevano “assaporato” l’odore della frutta, ha scelto i dolci al cioccolato, al contrario di chi aveva sentito la fragranza.

Il risultato dell’esperimento? Il nostro appetito può essere regolato da stimoli, di cui non siamo consapevoli.