Vita Social e brutte emoticon. Idee contro i pericoli del web

Cyberbullismo, uso distorto dei social network, adescamento di minori tramite internet e sesso virtuale, sono pericoli in cui possono incorrere i bambini e gli adolescenti che non vengono formati nell’utilizzo delle nuove tecnologie

A tal proposito la Polizia di Stato, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, ha lanciato la campagna itinerante “Una vita da Social” rivolta, in maniera vita da socialparticolare, agli studenti delle scuole medie secondarie di primo e secondo grado. Un tir viaggerà per tutto lo stivale con all’interno membri della Polizia Postale che illustreranno, dettagliatamente, a studenti, docenti e genitori le principali insidie della rete fornendo consigli utili per utilizzare il web con intelligenza e sicurezza.

Il tour proseguirà fino al 25 maggio attraversando l’Italia in lungo e in largo; trentatrè sono le tappe previste nelle maggiori città di ogni regione.

In Francia, intanto, gigantografie con emoticons inquietanti, create dall’agenzia Rosapark per il gruppo no-profit Innocence en danger (Innocenza in pericolo), tentano pericolo_web3di mettere in guardia i giovanissimi rendendoli più responsabili sul web. “I predatori del web a volte si relazionano a loro proprio come farebbe un coetaneo, al fine di costruire un rapporto di fiducia per raggiungere i loro obiettivi – dice Jamie Standen, direttore creativo Rosapark-. Dialogare con un ragazzo richiede l’adozione del loro linguaggio, di cui gli emoticon sono un elemento importante. Vogliamo che genitori e figli si fermino a riflettere. Ci sono alcuni divertenti e amichevoli emoticon nella mia chat, e se nascondessero una realtà inquietante?”.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi