Università degli Studi di Messina: l’App che ti fa il check up

Una nuovissima applicazione per smartphone è stata presentata, qualche giorno fa, all’Università di Messina! La sua specialità consiste nell’analizzare la nostra salute grazie ad una semplice emissione di fiato, realizzata appena vicino al microfono del dispositivo di nostra proprietà.

Affinchè l’App funzioni perfettamente è necessario inserire all’interno del cellulare un piccolo sensore, il quale permettrà di analizzare il nostro stato di salute, dando vita ad un check up completo.

“Il nostro sistema ci permette di monitorare delle sostanze nel respiro umano che fanno da segnali per la diagnosi di alcune patologie. Con questo metodo possiamo quindi verificare i possibili livelli anomali di tali valori, riuscendo a compredere se il soggetto interessato sia malato”; queste le parole del Prof. Giovanni Neri, docente del Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria industriale dell’Università degli Studi di Messina, il quale si reputa estrememente orgoglioso e soddisfatto di aver portato a termine un progetto funzionale e innovativo, grazie anche al magistrale aiuto del collega Nicola Donato.

Lo straordinario lavoro di equipe, ha smosso uno dei donne computer tecnologia stereotipipiù grandi colossi nell’ambito tecnologico; la Samsung ha difatti deciso di stanziare 90 mila euro per fare in modo che l’App diventi funzionale a tutti gli effetti.

Respirando sullo smartphone, sarà così possibile rilevare: infiammazioni polmonari, disfunzioni, malattie e problemi renali; potremmo sapere in tempo reale le nostre condizioni di salute e, i risultati elaborati dall’applicazione, saranno inviati al nostro medico di famiglia, il quale provvederà ad analizzare tutti i vari campanelli d’allarme.

Un vero successo per l’Università degli Studi di Messina: “Quando c’è un’ eccellenza non ci sono limitazioni geografiche, questa è, secondo la Prof.ssa Baglieri, la via che ci permetterà nei prossimi anni di affrontare la sfida della valutazione della ricerca”.

 

 

One Response
  1. Studentati Stoà

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi