Problemi nella vita matrimoniale? Potrebbero influire sul benessere del cuore

Tutti sanno che una relazione infelice può rendere una persona triste e depressa – ma ora, i ricercatori suggeriscono che essa potrebbe essere addirittura fatale.

Un gruppo di ricercatori statunitensi ritiene che un matrimonio infelice possa essere indice di stress, che a sua volta influirebbe sulla salute fisica della coppia. Gli scienziati credono che chi è infelice con il proprio coniuge potrebbe presentare maggiori rischi di cadere in depressione e di sviluppare ipertensione e, persino, malattie cardiache. Per provare tale teoria, gli scienziati dell’università dello Stato del Michigan intendono studiare come il matrimonio possa influire sulla salute cardiovascolare.

La dottoressa Hui Liu ha dichiarato: “abbiamo intenzione di fornire degli elementi di prova a livello nazionale su come il matrimonio possa influire sulla salute cardiovascolare e vogliamo chiarire i diversi meccanismi in questa relazione”. La ricercatrice crede che un matrimonio felice offra supporto e migliori la salute fisica della persona. Al contrario, lo stress di una cupa vita matrimoniale potrebbe portare alla depressione o promuovere abitudine malsane, come il fumo o la dipendenza dall’alcol. Se il livello degli ormoni dello stress cresce nel corpo, la pressione sanguigna così come la frequenza cardiaca aumenta e si può arrivare allo sviluppo di malattie cardiache.

La teoria della dottoressa Liu è supportata da ricerche precedenti che hanno dimostrato una forte influenza del matrimonio sulla salute fisica. Una recente ricerca dell’università di Utah ha rivelato che coloro, che pensano di avere un partner poco affidabile, hanno elevati rischi di calcificazione dell’arteria. Un altro studio recente di Los Angeles ha affermato che il matrimonio è anche un bene per le ossa di un uomo.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi