Mini IMU e Tares ultimi giorni per pagare le tasse. Il 24 gennaio è il termine ultimo

Caaf presi d’assalto, uffici comunali sommersi per chiedere informazioni. Ecco cos’ha generato la così detta mini IMU e il pagamento della “variazione” della Tares sui rifiuti in oltre 2.500 comuni italiani.

IMU_Seconda_RATA_F24Il rapporto tra italiani e tasse non è mai stato idilliaco, ma quando si arriva a dover pagare anche una piccola cifra, ma difficile da calcolare e comprendere, dopo un lungo tira e molla tra Governo, Comuni, parti politiche e chi più ne ha più ne metta, allora anche per chi le tasse le paga sempre e comunque diventa davvero difficile capirci qualcosa e risalire all’importo esatto da pagare, visto che tanti cittadini non hanno ricevuto comunicazioni a riguardo.

Così venerdì 24 gennaio potrebbe essere un venerdì nero per tanti contribuenti italiani, che si ritroveranno in fila davanti agli uffici postali in molti casi per pagare con un F24 sia la Mini IMU cioè solo la maggiorazione dell’IMU sulla prima casa deliberata da oltre 2.500 comuni. Così come la maggiorazione sulla Tares anch’essa approvata in oltre 2.400 comuni.

Onde evitare file e lungaggini meglio andare alla posta in questi giorni evitando venerdì che potrebbe costarci una giornata in fila davanti allo sportello a vedere quanti problemi stanno segnalando i Caaf dove le file sono già una certezza.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi