Mangiare troppa carne aumenta il rischio di diabete?

Gli amanti della carne potrebbero avere un maggiore rischio nel contrarre il diabete – anche se consumano una quantità elevata di frutta e verdura. Uno studio, a lungo termine, che ha coinvolto 60.000 donne, ha scoperto un legame tra l’alto consumo di carne, formaggio ed altri prodotti di “un’alimentazione acida” e il diabete di tipo 2.

Le donne, che hanno mangiato i cibi più acidificanti, hanno riscontrato di avere il 56 % in più di probabilità di sviluppare la malattia, rispetto a chi ne consumava di meno.

Come mostrano i risultati pubblicati sulla rivista “ Diabetologica”, frutta e verdura non hanno, completamente, compensato l’effetto negativo degli alimenti acidi sull’organismo delle donne, anche se di magra costituzione.

Solitamente, il diabete è legato all’obesità e agli alimenti pieni di zucchero, ma questo nuovo studio accusa la carne e altri alimenti, che producono acido, dopo essere stati digeriti. Si pensa che l’acido aumenti il rischio di diabete, rendendo difficile la trasformazione dello zucchero, che ingeriamo, in energia.

Lo studio francese ha coinvolto 66.485 donne, che sono carne rossa e diabetestate seguite per 14 anni; 1.372 donne hanno sviluppato il diabete, entro la fine dello studio, e le diagnosi erano comuni nelle pazienti, che avevano seguito un’alimentazione acida. I cibi acidi comprendono: carne, formaggio, pesce, pane e bevande analcoliche, mentre i cibi meno acidificanti includono il caffè, frutta e verdura.

I ricercatori, dell’Istituto INSERM di Parigi, hanno affermato che, mentre le arance e i limoni sono acidi, in uno stadio iniziale, dopo la digestione, in realtà riducono la quantità di acido nel corpo. Inoltre, hanno aggiunto che, anche se si sono concentrati sulla salute delle donne, la dieta acida può essere altrettanto dannosa per gli uomini.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi