La nostra urina come fonte di energia? Oggi è possibile

Oggi la nostra urina oltre ad utilizzarla per “annaffiare” piante e aiuole può servire per far funzionare dispositivi di piccole dimensioni. Il nostro corpo produce dunque una sostanza capace di fornire energia, la nostra pipì da oggi è così annoverata tra le fonti di energia alternative.

La notizia arriva direttamente da Alghero, in Sardegna, snocciolata durante la presentazione nazionale alla quale hanno partecipato Legambiente, La Casa Vede C02.0 e la pipì energia alternativafacoltà di architettura dell’Università di Alghero. In questo contesto è stato presentato il sistema di Franco Lisci, ricercatore e progettista di impianti, che si fonda su un sistema che funziona in completa autonomia, senza rete elettrica e con il solo apporto di urina umana o animale.

Fino a poco tempo fa il problema più grande derivava dal fatto che l’utilizzo dell’urina portava alla formazione di particelle altamente inquinanti ma, a quanto pare, Lisci è riuscito a risolvere il problema mediante l’utilizzo di un filtro chiamato Orilana Smart composto di pura lana di pecora che, grazie alla sua conformazione, riesce a catturare e trattenere le particelle evitando la loro dispersione nell’ambiente.

Ma andando al sodo vi chiederete: a cosa può essere utile la nostra urina? Per ora si riescono a far funzionare dispositivi di piccole dimensioni e in futuro? Molto probabilmente ci attendono le auto a pipì.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi