Il contenuto della lettera di Tsipras ai creditori

Alexis Tsipras prova a riaprire uno spiraglio nella trattativa con il Fondo Monetario Internazionale, la Commissione europea e la Bce.
Dopo aver indetto un referendum dove chiede ai cittadini greci se accettare o meno le condizioni imposte dai creditori, il premier prova a trovare una nuova bozza di accordo.

In queste ore Tsipras ha scritto una lettera a Christine Legarde, Jean Claude Juncker e Mario Draghi, nella quale si dichiara disposto ad accettare le proposte dell’ex trojka. Tra questi c’è l’innalzamento delle aliquote Iva, la revisione del sistema pensionistico, fiscale e lavorativo, la riduzione delle spese militari e un’ampia liberalizzazione da attuare in determinati settori.
Tsipras ha accettato alcune di queste condizioni, ponendo però alcune rilevanti eccezioni che rappresentano il contenuto principale della lettera scritta ai creditori.  

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi