I romani hanno inventato Facebook? Secondo Tom Standage, si!

Secondo Tom Standage, Facebook e Twitter non sono altro che le moderne versioni di piattaforme sociali, inventate dai Romani. Lo scrittore e giornalista sostiene che internet ha permesso al mondo una comunicazione di massa e un ritorno allo stato sociale naturale, già presente all’epoca dei Romani, 2.000 anni fa.

In particolare, Tom Standage fa riferimento ai graffiti antichi, che solevano essere usati per vantarsi e lamentarsi di una varietà di argomenti e proprio quel tipo di comunicazione ha segnato la nascita del social network.

Nel suo libro “Writing on the Wall : Social Media – The First 2,000 Years”, il digital editor del settimanale “Economist” paragona il modo di scrivere dei Romani e di alcuni personaggi storici, come Thomas Paine e Martin Lutero, a quello degli utenti sui post e sugli status di oggi. Secondo Tom Standage, gli utenti moderni dei social network non sono altro che “eredi inconsapevoli di una ricca tradizione con profonde radici storiche”.

Lo scrittore giustifica tale paragone, definendo i social facebook e twittermedia come “un ambiente, in cui le informazioni passano da una persona all’altra, lungo le connessioni sociali, al fine di creare una discussione distribuita in una comunità”.

Nel libro, che ripercorre l’ascesa dei social media nel corso della storia, è chiaro il paragone di Facebook al Forum romano, dove i residenti rendevano pubblichi giudizi, opinioni politiche e persino le loro conquiste sessuali.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi