Gli stetoscopi dei medici possono provocare infezioni !

La facilità di trasmissione dei batteri rappresenta un problema attuale e di notevole importanza. È stata analizzata l’entità di questo problema sviscerando ogni singola causa.images
Difatti, come dimostra uno studio dell’Università di Ginevra pubblicato dai Mayo Clinic Proceeding, gli stetoscopi usati dai medici per ascoltare i battiti cardiaci e gli organi della respirazione, sono fonte di propagazione di numerosi batteri in quanto, se non sterilizzati correttamente, essi diventano i siti ideali per la proliferazione e la moltiplicazione dei batteri nei tessuti e nel sangue degli uomini, proprio come le mani.
I dati di questa ricerca, come illustra Didier Pittet dell’Ospedale Universitario di Ginevra, rivelano che su tre medici che hanno effettuato 33 visite a pazienti ricoverati (dopo aver indossato ogni volta un paio di guanti sterili e dopo aver disinfettato lo stetoscopio da un soggetto all’altro) è emerso che la superficie che si infetta di più dopo la visita sono i polpastrelli, seguita dalla parte dello stetoscopio che si posa sul paziente.
Un’ulteriore e minuziosa osservazione ha dimostrato, inoltre, che anche dopo la sterilizzazione dello strumento, tra un paziente e l’altro, residua la presenza costante del batterio Staphylococcus Aureus (resistente a diversi antibiotici), principalmente sui polpastrelli dei medici in 38 casi su 50, e sul diaframma di molti stetoscopi.
Il miglior consiglio, anche in questo caso, è lavare subito le mani, che sono la principale via di trasmissione dei germi, e sterilizzare lo stetoscopio dopo ogni utilizzo per scongiurare infezioni batteriche.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi