Gli italiani sprecano ancora troppo cibo

Si è tenuta a Roma, al Tempio di Adriano, la Giornata di prevenzione dello spreco alimentare istituita dal ministero dell’Ambiente, incontro durante il quale si è fatto il punto della situazione sullo spreco alimentare in Italia

indexL’intervento di Dino Scanavino, vicepresidente vicario della Cia-Confederazione italiana agricoltori, è stato duro e conciso: nonostante la crisi, si spreca ancora troppo cibo. Secondo il rapporto presentato da Scanavino infatti gli sprechi di cibo sono diminuiti del 25% dal 2008 al 2013, ma il cibo che finisce nel bidone è pari a circa 5 milioni di tonnellate all’anno, pari a circa 9 miliardi di euro. Cifre spropositate che lasciano sinceramente interdetti, soprattutto se a questi dati si confronta l’indice in aumento di famiglia che chiedono gli aiuti alimentari della Comunità Europea: nel 2013 il 10% in più rispetto al 2012.

E’ tra le mura domestiche che si concentra la massima percentuale di spreco, il 40%, indice che molte famiglie non hanno ancora imparato a “fare la spesa”, finendo per far scadere ciò che si ha in casa. Un numero positivo invece è quello relativo al numero di cittadini che hanno invece imparato, per necessità, ad adottare una maggiore oculatezza nel comprare prodotti alimentari: circa il 70% degli italiani dichiara di aver tagliato gli sprechi a tavola.

Nonostante gli italiani siano “viziosi” sul tema spreco di cibo, sembra che a livello mondiale le cose stiano anche peggio: un terzo della produzione mondiale di cibo finisce in discarica, una quantità enorme e soprattutto vergognosa, se si pensa a quei posti dove il cibo è ancora oggi un miraggio. Serve consapevolezza e informazione, serve un po’ di sano senso di vergogna e indignazione per imparare a fare la spesa e pensare, davvero, a chi non è in condizioni di farla.

 

 

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi