Gheddafi, stanze del sesso per abusare di minori

Il rais, ucciso al culmine delle rivolte più di due anni fa, aveva a disposizione vere e proprie stanze dell’orrore nelle quali perpetrava orrendi crimini sessuali ai danni di minorenni che sceglieva nelle scuole

gheddafi-640Sarebbero centinaia, forse migliaia, i giovani uomini e donne, anche minorenni, che il colonnello Gheddafi sottoponeva ad agghiaccianti violenze sessuali a base di alcol, viagra e cocaina, il tutto documentato da immagini e testimonianze dirette. È quanto rivela un documentario della BBC4 mostrando per la prima volta le “stanze segrete del sesso” che leader libico ha utilizzato durante i 42 anni del suo regime,

Giovani e giovanissime, spesso vergini, detenute in vari palazzi del potere, furono per anni a disposizione del satrapo, dei suoi figli e adepti. Il documentario della rete britannica, che andrà in onda il prossimo 3 febbraio, rivela inoltre come le ragazze venissero costrette a guardare film porno per essere preparate ad assecondare le successive richieste del rais e di altri aguzzini.

In una delle stanze che si vede nel documentario è evidenziata la presenza di una sorta di ambulatorio ginecologico dove venivano effettuati controlli per verificare la presenza di malattie sessualmente trasmissibili prima che Gheddafi abusasse delle sue vittime e dove, all’occorrenza, venivano praticati perfino aborti.

Un insegnante di Tripoli racconta che le vittime erano spesso giovanissime. «Alcuni avevano solo 14 anni – dice – semplicemente prendevano le ragazze che volevano. Non avevano coscienza, morale, pietà, anche se si trattava di una bambina». Da Seham Sergewa, psicologa di Bengasi, si apprende che «ad abusare delle ragazze per la prima volta era sempre il dittatore che poi le passava, come oggetti usati, a uno dei suoi figli o a qualche alto funzionario».

 

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi