close

Finisce l’era di Rojadirecta e dello streaming online?

Nei giorni scorsi il GIP del tribunale di Milano, Andrea Ghinetti, ha posto sotto sequestro preventivo il sito spagnolo Rojadirecta. Perché lo ha fatto? Il sito è notissimo nell’ambiente perché trasmette in streaming praticamente tutto lo scibile umano per quanto riguarda il calcio e altri sport.

Per questo ha attirato su di sé le ire (e gli esposti) della Lega Calcio di Serie A e del gruppo Mediaset. Secondo il giudice, il sito “rappresenta un vero e proprio portale per l’abusiva diffusione di eventi sportivi in violazione degli altrui diritti di privativa” e, come se non bastasse questo, “si appropria di volumi di traffico generati da coloro che visionano gratuitamente l’evento, riuscendo anche a lucrare sulle numerose inserzioni pubblicitarie”.

Ma al sequestro preventivo come avrà risposto il sito? Fulvio Sarzana, Giuseppe Vaciago e Giovanni Maria Riccio, ovvero i legali di Rojadirecta, hanno già presentato ricorso al Tribunale del Riesame per chiedere il dissequestro del sito.

Il provvedimento di sequestro non ha effetto reale testate online web blogsui server che ospitano il sito ma, come avviene in questi casi, prevede il ban degli IP, ovvero l’impossibilità da parte degli utenti italiani di risolvere normalmente il nome di dominio tramite i DNS utilizzati dai nostri provider. Peccato, però, che questo genere di ban sia aggirabile in modo abbastanza elementare.

A proposito di Rojadirecta, giova ricordare che 2009, per un analogo problema, il giudice del tribunale numero 37 di Madrid lo aveva assolto perché non traeva benefici diretti dall’attività in questione, ma dalle sole campagne pubblicitarie che ospitava.

Tag:, , , ,

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi